dalla Home

Accessori

pubblicato il 4 marzo 2008

Il futuro del GPS

Mappe pedonali, mininavigatori sul cellulare, le novità del Cebit

Il futuro del GPS

Fino a qualche anno fa era solo una voce metallica che accompagnava l'automobilista nelle gimcane quotidiane tra casa, palestra e lavoro. Oggi a impartire ordini sono toni dolci e melodiosi, oppure lo strillo di Ranzani, quello del Cayenneeee. Dura la vita senza navigatore satellitare.

Ad Hannover dov'è in corso il Cebit, il più grande salone dell'elettronica europeo, il gps è una delle attrazioni principali: c'è quello grande come un portachiavi, l'altro low cost, e ce ne sono altri ancora con lo schermo wide che sembrano fatti apposta per proiettarci un film. Ma il futuro della navigazione non si limita all'abitacolo e guarda avanti. Al cellulare.

La scena tipo è questa: arriviamo al parcheggio in macchina e poi a guidarci è lo schermo del telefonino. TeleAtlas, leader mondiale nel mercato dei servizi di localizzazione, ha appena presentato le mappe pedonali, percorsi studiati appositamente per chi non ha tempo da perdere e si muove come una saetta con la ventiquattrore in mano per raggiungere un business meeting. O più semplicemente per un turista che deve ritrovare la macchina parcheggiata a Trastevere. In Europa sono già disponibili 117 città europee, Italia inclusa, con tragitti nei centri storici e nelle aree più transitate.

Insomma, è una specie di rivoluzione, pronta ad essere cavalcata dal mercato ma soprattutto dai produttori e dai gestori telefonici. La rivoluzione dell'ultimo miglio, quello che faremo con l'aiuto delle mappe pedonali. "In città - spiega Simone Bizzozzero marketing manager TeleAtlas Italia- quasi mai si riesce a parcheggiare dove si vorrebbe, magari si trova ad un km dalla destinazione. Ed è per questo che grazie ai nuovi servizi l'utente sarà in grado di spostarsi con facilità anche in un posto completamente sconosciuto".

Ma non ci sarà una sostituzione tra cellulare e Gps da automobile."Saranno due sistemi integrati, ciascuno con le sue funzioni". La continua evoluzione dei navigatori passerà, poi, per i servizi personalizzati,tra cui ci sono le mappe per i mezzi pesanti, quelle che escludono le stradine tortuose di campagna. Ma la grande novità sono i contenuti dinamici che sui cellulari dotati di Gps faranno veramente la differenza. Perché consentono di informare l'utente in tempo reale e di dirgli non solo dove si trova un parcheggio ma se c'è posto o se il prezzo praticato dalla pompa di benzina sotto casa è linea con la media o se andando qualche chilometro oltre c'è uno sconto da non perdere.

Fantascienza? Macchè, in Francia servizi del genere sono già realtà e presto arriveranno anche in Italia. "Stiamo andando verso un nuovo scenario - conclude Bizzozzero - nel quale il navigatore è la base e poi c'è l'upgrade online con contenuti per tutte le esigenze".

Autore: Redazione

Tag: Accessori , navigatori satellitari , statistiche


Top