dalla Home

Test

pubblicato il 28 luglio 2017

Dossier Citroen prove estive

Citroen C4 Cactus, a prova... di Wind Surf! [VIDEO]

L'abbiamo guidata di nuovo, ma su un percorso diverso a tema vacanze sportive

Galleria fotografica - Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionaleGalleria fotografica - Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale
  • Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale - anteprima 1
  • Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale - anteprima 2
  • Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale - anteprima 3
  • Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale - anteprima 4
  • Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale - anteprima 5
  • Citroen C4 Cactus, la prova non convenzionale - anteprima 6

Ha appena compiuto tre anni, la Citroen C4 Cactus. Una macchina strana solo per chi non conosce la storia del marchio francese, che ha sempre fatto della sperimentazione e del coraggio due vere e proprie bandiere del proprio modo di concepire le automobili. Certo, oggi che i Gruppi automobilistici la fanno da padroni e che le sinergie sono sempre più importanti, certe fughe in avanti dei tempi d’oro non sono più possibili (per nessuno), ma questa macchina dimostra come ci sia ancora tanto spazio per fare le cose in modo non convenzionale. Anzi, “unconventional”, come il team di atleti sponsorizzato proprio da Citroen. Atleti di sport che vengono comunemente definiti minori, ma che di minore non hanno nulla, come ci ha dimostrato Matteo Iachino, campione del mondo in carica di wind surf e nostro “maestro” per un giorno, il giorno della prova della C4 Cactus, che rispetto a 3 anni fa è cambiata, migliorando in qualche aspetto interessante…

A misura di sport estivo

Pensi al wind surf, subito ti viene alla mente l’immagine del mega pick-up americano con le tavole inclinate a 45°. Noi, che le coste della California ce le possiamo solo sognare (nel senso che sono molto più ampie, non più belle, sia chiaro), ci dobbiamo muovere in altro modo, anche quando trasportiamo le tavole. Sì, anche la C4 Cactus va benissimo per questo scopo, come Adriano e Matteo dimostrano ampiamente nel video. Caricata la tavola sul tetto, non si è certo finito: lo spazio per borse, borsoni, varie ed eventuali non manca e lo schienale del sedile posteriore, che a differenza della Cactus prima maniera ora si può abbattere separatamente, aiuta parecchio nella gestione dello spazio.

Leggerezza fa rima con tutto

Se c’è un dato che viene citato pochissimo ma che è determinante per quasi ogni aspetto di una macchina, questo è sicuramente quello relativo al peso. Peso che influisce per esempio sui consumi: la C4 Cactus, che ferma l’ago della bilancia al di sotto dei 1.200 kg, deve i suoi oltre 18 km/l anche a questo. Meno peso significa anche miglior comfort a parità di smorzamento del rollio: in pratica, non c’è bisogno di un assetto troppo duro per dare agilità fra le curve. E’ molto intuitivo, inoltre, che più kg si risparmiano, più accelerazione e ripresa sono rapide. Per il resto, la francese è tale anche e soprattutto nei sedili, piatti (perché ricorrere a delle forme super avvolgenti su una macchina che punta al comfort?) e morbidissimi.

Scheda Versione

Citroen C4 Cactus
Nome
C4 Cactus
Anno
2014
Tipo
Normale
Segmento
utilitarie
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Citroen , auto europee


Listino Citroen C4 Cactus

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
PureTech 110 S&S Feel anteriore benzina 110 1.2 5 € 18.500

LISTINO

PureTech 82 Shine anteriore benzina 82 1.2 5 € 18.850

LISTINO

PureTech 110 S&S Shine anteriore benzina 110 1.2 5 € 20.350

LISTINO

BlueHDi 100 S&S Feel ETG6 anteriore diesel 100 1.6 5 € 20.650

LISTINO

PureTech 110 S&S Shine EAT6 anteriore benzina 110 1.2 5 € 21.950

LISTINO

BlueHDi 100 S&S Shine ETG6 anteriore diesel 100 1.6 5 € 22.500

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top