dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 27 febbraio 2008

Pininfarina Sintesi

Così il designer torinese ci stupirà a Ginevra

Pininfarina Sintesi
Galleria fotografica - Pininfarina Sintesi  GinevraGalleria fotografica - Pininfarina Sintesi  Ginevra
  • Pininfarina Sintesi  Ginevra - anteprima 1
  • Pininfarina Sintesi  Ginevra - anteprima 2
  • Pininfarina Sintesi  Ginevra - anteprima 3
  • Pininfarina Sintesi  Ginevra - anteprima 4
  • Pininfarina Sintesi  Ginevra - anteprima 5
  • Pininfarina Sintesi  Ginevra - anteprima 6

L'ultima presenza di Pininfarina al Salone di Ginevra risale al 2005 con l'acclamato prototipo Maserati Birdcage 75th, una coupé sportiva futuristica che rendeva omaggio alle vetture del Tridente degli anni '60. A riscuotere applausi e premi l'anno precedente era stata invece la concept Nido, uno studio per una city-car che metteva al centro dell'attenzione lo sfruttamento dello spazio.

Anticipata da una serie di raffinate brochure elettroniche, la Pininfarina Sintesi è una ... sintesi (appunto) fra queste due concept car: secondo Pininfarina le auto del futuro cambieranno forma perché l'accantonamento del motore termico, che finora aveva occupato un volume dell'auto, permetterà di distribuire i componenti atti alla propulsione in più punti, consentendo un maggiore sfruttamento dello spazio per migliorare comfort e sicurezza. Secondo la visione del designer torinese, grazie ai motori del futuro, sarà possibile creare una vettura partendo dagli spazi interni e non più dalle parti meccaniche.

Pininfarina pensa di risolvere l'eterno conflitto fra ingegneri e designer integrando elementi meccanici - come ad esempio le celle di combustibile o le bombole dell'idrogeno - direttamente nel telaio, occupando spazi tradizionalmente inutilizzati. In questo modo i designer saranno più liberi di tracciare nuove forme e anche l'aerodinamica migliorerà, meno limitata dalle esigenze della attuale architettura automobilistica.

Ma c'è di più, perché questa 4 porte dalla coda tronca e dagli sportelli con apertura a forbice, si propone non solo di rivoluzionare le forme dell'auto di domani, ma anche quelle delle strade odierne. Attraverso la tecnologia Clancast le auto del futuro interagiranno fra di loro e con le infrastrutture stradali, scambiandosi informazioni come ad esempio il segnale rosso di un semaforo, un senso unico o un obbligo di svolta. Attraverso questo sistema sarà possibile eliminare dalle strade semafori e segnaletica trasferendo le informazioni visive che oggi si trovano sulla strada all'interno dell'abitacolo.

Emissioni zero, strade prive di segnaletica, massimo comfort e pure un bel design. Sarà davvero così felice l'automobilista del futuro?

Pininfarina al Salone di Ginevra 2008

Pininfarina al Salone di Ginevra 2008

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , car design


Top