dalla Home

Eventi

pubblicato il 29 giugno 2017

Dossier Goodwood Festival of Speed 2017

Goodwood Festival of Speed 2017, cosa c'è da vedere

Supercar, serie speciali e anteprime europee contribuiscono a rendere unico e l'elegante manifestazione britannica

Goodwood Festival of Speed 2017, cosa c'è da vedere
Galleria fotografica - Goodwood Festival of Speed 2017Galleria fotografica - Goodwood Festival of Speed 2017
  • Goodwood Festival of Speed 2017 - anteprima 1
  • Goodwood Festival of Speed 2017 - anteprima 2
  • Goodwood Festival of Speed 2017 - anteprima 3
  • Goodwood Festival of Speed 2017 - anteprima 4
  • Goodwood Festival of Speed 2017 - anteprima 5
  • Goodwood Festival of Speed 2017 - anteprima 6

Si chiama Festival della Velocità (Festival of Speed), ma tutti ormai diciamo semplicemente "Goodwood": sicuramente l’evento motoristico più importante del Regno Unito e fra più importanti del mondo, oltre a essere uno dei più esclusivi ed "elegantemente" britannici. Ogni anno il Goodwood Festival of Speed vede sfilare e confrontarsi sulla mitica Hill Climb (l’Ascesa alla Collina) il meglio della produzione motoristica mondiale tra auto, moto e anche aerei. Oltre a essere un evento fra i più "quotati" per mondanità è anche un momento per le case di presentare le ultime novità, prototipi o serie ultra limitate e speciali. Quest'anno inizia giovedì 29 giugno e termina Domenica 2 luglio, noi ci saremo e ve lo racconteremo in diretta sui social.

Lamborghini si gioca la carta Centenario

Lamborghini partecipa con la Centenario, un gioiello da 1,75 milioni di euro (tasse escluse) che sarà prodotto in soli 40 esemplari (20 Coupé e 20 Cabrio) e con prestazioni da 2,8 secondi da 0 a 100 km/h e una velocità massima di 350 km/h date dal V12 da 700 CV. La Centenario nata nel 2016 in occasione del centenario dalla nascita di Ferruccio Lamborghini viene accompagnata dalla Huracan Performante guidata da Marco Mapelli e da una Adventador S da 720 CV in configurazione unica, esposta sullo stand del Toro accanto al Ristorante 1963, con carrozzeria in Grigio Acheso opaco, dettagli in arancione opaco, ruote Dianthus in nero lucido e interni in pelle Arancio Leonis.

Debutto per la Aston Martin DB11 V8

Non sono da meno le altre case costruttrici a cominciare dalle Britanniche Aston Martin e Rolls-Royce che, rispettivamente, presentano la DB11 con il nuovo motore V8 da 510 CV, frutto dell’accordo con Mercedes-AMG, e la Dawn Black Badge. Fa le cose in grande Jaguar che ha preso la sua XE e l’ha affidata alle sapienti mani del reparto SVO dando alla luce la Jaguar XE SV Project 8 una quattro porte con il 5.0 da 600 CV e 320 km/h, realizzata in 300 esemplari in vendita da un prezzo indicativo di 186.000 euro.

C'è anche una McLaren tutta di Lego

Rimanendo nell’isola Britannica, McLaren sceglie il Festival of Speed per far debuttare in pubblico la nuova 720S Spider dotata del tetto rigido retrattile già utilizzato su 650S e 675T. Accanto alla versione in carbonio e alluminio ce n'è un’altra realizzata in Lego; una squadra di sei persone si è, infatti, adoperata per realizzare un modello 1:1 con i famosi mattoncini che, però non è stato ancora completato: ci penseranno i visitatori dello stand McLaren a contribuire a finire l’auto entro Domenica.

La Zerouno a caccia del record

La carica delle locali è completata da Bentley che, oltre a far debuttare la Continental Supersports pilotata da Derek Bell, partecipa alla Hill Climb con la GT3 e con la Bentayga. Sullo stand anche la Mulsanne a passo lungo, la Betayga Diesel e la Flying Spur V8 S. Nel paddock in bella mostra, a celebrare il pilota Tom Kristensen, una Speed 8 Le Mans Prototype. A rappresentare l’Italia oltre a Lamborghini c'è anche Italdesign con una delle cinque Zerouno costruite che corre la Supercar Run della Hill Climb e che tenterà di stabilire il record appartenente alla McLaren di F1 MP4/13 pilotata, nel 1999 da Nick Heidfeld, contando sopratutto sui suoi 610 CV e sull’accelerazione da 0 a 100 in 3,2 secondi.

La prima volta della Ford GT

Nissan cala l’asso della trazione elettrica portando al debutto ufficiale in Europa la Bladeglider che partecipa anche lei alla Hill Climb nella categoria Supercar accanto alle "termiche" GT-R MY17 e alla GT-R Nismo. Prima volta pure per Ford GT che sarà pilotata sulla Hill Climb dai pilota del Chip Ganassi Racing Team, il terzo pilota del Team sarà invece al volante di una Mustang GT4. Fra le protagoniste del nuovo Hill Climb Drift Championship sarà, invece, la Ford Mustang RTR appositamente preparata per essere messa di traverso da Vaughn Gittin Jr, campione del mondo drift.

Autore:

Tag: Eventi , goodwood


Top