dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 29 giugno 2017

Dossier Come si Fa

Tagliando auto, dove e come farlo

Le dritte per sottoporre a check-up la vettura

Tagliando auto, dove e come farlo

Quando si parla di tagliando auto, l’equivoco è dietro l’angolo. C’è chi pensa al tagliando dell’assicurazione da esporre sul parabrezza (che non c’è più, ora esiste solo il certificato); altri fanno confusione con la revisione periodica obbligatoria per legge. Ma di sicuro voi sapete bene che in realtà il tagliando auto è un controllo obbligatorio soltanto finché dura la garanzia dell’auto. Se durante questo periodo non si sottopone la macchina ai tagliandi previsti, si perde il diritto alla garanzia data dalla Casa costruttrice del veicolo.

Cosa rammentare

#1. Quando. La scadenza alla quale sottoporre l’auto al tagliando può essere di due tipi. Primo: temporale, ossia ogni tot mesi o anni. Secondo: chilometrico, cioè basata sul numero di km percorsi. E comunque, se non avete memoria, talvolta è la centralina del veicolo che individua quando è il momento di fare il tagliando, avvisandovi con un alert.

#2. Dove. Per questo check-up approfondito dell’auto che è il tagliando, sarà la Casa a indicarvi l’officina dove recarvi: quella che vi è più comoda. Comunque, fino al 2010, il tagliando auto doveva essere effettuato solo presso un’autofficina della casa. Grazie all’entrata in vigore del Regolamento Europeo CE 461/2010, adesso si può scegliere liberamente una qualsiasi officina. E la garanzia vale sempre. Con costi molto variabili: dipende da marca e modello, dalle verifiche, da eventuali componenti usurati da sostituire.

#3. Cosa. Generalmente, al tagliando vengono controllati l’impianto frenante (pastiglie dei freni) e di illuminazione, l’olio dei freni e del motore, i filtri, cinghie di trasmissione, il livello dei fluidi (liquido refrigerante e detergente lavavetri). In più, c’è la verifica di eventuali perdite nel motore, si controllano la marmitta, e lo stato delle luci dentro e fuori. Per i motori diesel, l’eventuale presenza dell’acqua nel filtro del gasolio. Ma anche lo stato delle sospensioni, il climatizzatore (ormai presente su quasi tutti i mezzi), gli pneumatici e l’eventuale ruota di scorta.

Perché conviene parecchio

L’obiettivo infatti del Costruttore è individuare lo “stato di salute” dei componenti della macchina, stabilendo i controlli da fare. Ovviamente, terminato il periodo di garanzia dell’auto, non siete più tenuti a sottoporre la macchina al tagliando; ma occhio: controllare la salute del veicolo fa consumare meno, allunga la vita della vettura, aumenta la sua sicurezza su strada, previene interventi successivi più costosi.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , manutenzione


Top