dalla Home

Test

pubblicato il 28 giugno 2017

Skoda Citigo, restyling di sostanza

Rivista lievemente nel look, adesso è più sicura e connessa

Skoda Citigo, restyling di sostanza
Galleria fotografica - Skoda Citigo 5 porte restyling 2017Galleria fotografica - Skoda Citigo 5 porte restyling 2017
  • Skoda Citigo 5 porte restyling 2017 - anteprima 1
  • Skoda Citigo 5 porte restyling 2017 - anteprima 2
  • Skoda Citigo 5 porte restyling 2017 - anteprima 3
  • Skoda Citigo 5 porte restyling 2017 - anteprima 4
  • Skoda Citigo 5 porte restyling 2017 - anteprima 5
  • Skoda Citigo 5 porte restyling 2017 - anteprima 6

Le citycar, è un fatto, devono combattere in un segmento (A), decisamente affollato. Per una battaglia che, spesso, si gioca su differenze infinitesimali: un discorso valido anche per la Skoda Citigo, sorella gemella di Volkswagen up! e Seat Mii, che a distanza di cinque anni dal lancio è passata dal chirurgo estetico. Un restyling lieve, che ha portato con sé, prima di tutto, un surplus di tecnologia e sicurezza. Per battersela ad armi pari con rivali del calibro della Fiat Panda.

Com'è

La matita dei designer è intervenuta soprattutto sul frontale della Skoda Citigo restyling: nuovi sono il cofano, la calandra, i proiettori, le luci fendinebbia con funzione cornering e il paraurti. Modifica, quest'ultima, che ha fatto crescere la lunghezza di 3,4 cm, per un totale di 3.597 mm. Dietro compaiono proiettori bruniti mentre arrivano inediti cerchi in lega da 15” e un nuovo color verde Kiwi. In abitacolo, fra inserti lucidi e una bella sensazione di solidità, debuttano un volante a tre razze più chic – volendo anche multifunzione, con comandi per telefono e impianto audio – e una strumentazione ridisegnata, dalla lettura sempre precisa. In più, sulla portiera sinistra è finalmente comparso il comando per l'alzacristallo destro. Più succose le modifiche all'infotainment: l'impianto multimediale Swing con display a colori da 5” consente di connettere il proprio smartphone iOS e Android via Bluetooth, utilizzando l'app Move & Fun per navigare, telefonare, riprodurre musica e visualizzare informazioni relative all'auto. Migliorata anche la sicurezza, con la funzione di frenata automatica entro i 30 km/h (optional).

Come va

La prova della Skoda Citigo restyling si è svolta in una Praga davvero caotica, una quarantina di km (molti dei quali in coda) da e per l'aeroporto. Un primo contatto molto soft in cui, per altro, c'era poco da verificare: motori e tecnica rimangono infatti quelli della vecchia Citigo. Si può scegliere fra due 1.0 a tre cilindri, da 60 o 75 CV: il primo sembra essere un filo più corposo ai bassi regimi ma nessuno dei due – complice una rapportatura lunga del cambio e l'Euro 6 – schiaccia la schiena al sedile. E il 1.0 turbo da 90 CV, già provato sulla up!, qui non è disponibile (sigh!). Al massimo potete ripiegare sulla Citigo G-TEC, con cuore bifuel benzina/metano da 68 CV. Sterzo preciso quanto basta, la piccola Skoda rolla davvero poco in curva e dimostra di avere una notevole tenuta, aggrappandosi tenacemente all'asfalto. La risposta delle sospensioni, durette, rimane sempre piuttosto curata, mentre l'insonorizzazione è nella media e il cambio è davvero un burro, così come la frizione. Nel breve test, con la Citigo 1.0 60 CV ho visto una media consumo di circa 7 l/100 km. Un risultato per certi versi prevedibile nella marcia cittadina: lo Start&Stop non c'è e il carattere pigro del motore costringe a tirare le marce se si vuole guidare con un po' di brio.

Curiosità

Poiché la praticità non è mai troppa, i progettisti Skoda si sono spremuti le meningi e hanno ricavato, nell'abitacolo della Citigo, nuove e intelligenti idee: sotto il sedile passeggero anteriore si nasconde un ombrello pieghevole (di serie dall'allestimento Ambition) mentre dalla maniglia che apre il vano portaguanti fuoriesce un gancetto in plastica, perfetto per appendere una borsa. E poi, sulla parte superiore della plancia, un piccolo sportellino cela una presa USB, senza dimenticare il porta smartphone in gomma (estraibile) alla base della console centrale.

Quanto costa

Dei quattro allestimenti disponibili, l'Ambition ha già tutto ciò che serve: i prezzi vanno dagli 11.400 euro della Skoda Citigo 1.0 60 CV ai 14.090 della G-TEC, passando per gli 11.900 della Ambition da 75 CV. Per completezza, sappiate che la Citigo Active, base, parte da 10.220 euro. Non manca, infine, la possibilità di avere il cambio robotizzato ASG, che pesa per 710 sul conto finale. Ma non si può avere in combinazione con il metano.

La scheda

Motore: 1.0 a tre cilindri
Potenza: 60 CV
Coppia: 95 Nm
Accelerazione 0-100 km/h: 14,4 secondi
Velocità massima: 162 km/h
Consumo medio dichiarato (ciclo NEDC): 4,4 l/100 Km
Emissioni CO2: 101 g/km

Scheda Versione

Skoda Citigo 5 porte
Nome
Citigo 5 porte
Anno
2012 (restyling del 2017)
Tipo
Normale
Segmento
citycar
Carrozzeria
2 volumi
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore:

Tag: Test , Skoda , auto europee


Top