Test

pubblicato il 22 giugno 2017

Nissan Qashqai restyling, affinamenti di stile e tecnologia [VIDEO]

L'auto che ha creato i crossover compatti cambia nel design e diventa più silenziosa

Galleria fotografica - Nissan Qashqai restylingGalleria fotografica - Nissan Qashqai restyling
  • Nissan Qashqai restyling - anteprima 1
  • Nissan Qashqai restyling - anteprima 2
  • Nissan Qashqai restyling - anteprima 3
  • Nissan Qashqai restyling - anteprima 4
  • Nissan Qashqai restyling - anteprima 5
  • Nissan Qashqai restyling - anteprima 6

Proprio lei, nel lontano 2007, ha avuto il merito di creare i crossover, un incrocio tra SUV e una cinque porte da famiglia. Oggi, la Nissan Qashqai – giunta alla seconda generazione – beneficia di un corposo restyling. Per restare al passo con le avversarie, sempre più agguerrite e con i tempi. Racchiudendo in sé praticità, spazio e tecnologia che ci si aspettano da una SUV/Crossover da famiglia. Conditi con un'estetica ancora più accattivante.

Come è

Il look della Nissan Qashqai cambia soprattutto nel frontale, che si rifà a quello della Micra: volendo si possono avere i fari a Led dalla caratteristica forma a boomerang, riproposta anche nei gruppi ottici posteriori. Con una carrozzeria che si è allungata di un un nonnulla (17 mm), la Nissan Qashqai restyling misura 4,39 metri totali di lunghezza, mentre larghezza (1,80 m) e altezza (1,59 m) sono rimaste invariate. Il risultato? Le misure interne non cambiano, nemmeno quelle del bagagliaio, che parte da 430 litri per arrivare fino a 1.598. Curata la praticità: i pannelli di rivestimento possono essere spostati, per far posto alla cappelliera quando è smontata, o rivoltati, per caricare oggetti sporchi. E poi c'è un abitacolo qualitativo, come sempre, che relega la plastiche rigide (ma robuste) lontano dagli occhi, nelle parti basse. Nuovi sono anche il volante, i sedili e l'impianto audio Bose. Capitolo connettività: Apple CarPlay e Android Auto saranno purtroppo disponibili solo dall'anno prossimo. Riviste le logiche del navigatore, invariata la grafica. In ogni caso, grazie a tasti e rotori il sistema si comanda sempre molto facilmente.

Come va

La gamma motori della Nissan Qashqai restyling non cambia: ho provato il 1.6 turbo benzina da 163 CV, molto silenzioso, che spinge in modo morbido ma sempre consistente. E poi il 1.6 turbodiesel da 130 CV (un poco più rumoroso a livello meccanico) accoppiato al cambio CVT, trasmissione che paga qualcosa in termini di velocità rispetto ai doppia frizione più recenti. Volendo, c'è anche un manuale leggero, che soffre però di qualche resistenza negli innesti. Le modifiche allo sterzo, per un ritorno più leggero, e alle sospensioni – molle più morbide per assorbire le asperità e ammortizzatori più frenati, con barre antirollio più generose, per coricarsi meno in curva – non hanno modificato l'indole della Qashqai, che rimane un'auto soprattutto comoda e rilassante da guidare. La crossover Nissan appare anche piuttosto silenziosa, ben isolata a dir la verità più dal rotolamento dei pneumatici e dai fruscii che non dal motore (più che altro il diesel). I consumi? Purtroppo non ho avuto modo di guidare abbastanza per darvi un quadro affidabile. L'elettronica per la sicurezza comprende un sacco di sistemi: riconoscimento dei segnali stradali, sensori di angolo cieco laterale, di mantenimento della corsia, sistema contro il colpo di sonno e telecamera a 360 gradi. Per la guida in città, invece, c'è anche la frenata automatica di emergenza con riconoscimento pedoni e i sensori per avvisare quando ci sono persone o veicoli che si muovono dietro di voi quando fate retromarcia.

Curiosità

In più, dal 2018 sulla Nissan Qashqai restyling si può avere il sistema di guida assistita ProPILOT, che controlla sterzo, acceleratore e freni permettendo alla crossover giapponese di viaggiare da sola in autostrada anche in condizioni di traffico intenso, sia a bassa sia ad alta velocità, ma solo su corsia singola.

Quanto costa

I prezzi della Nissan Qashqai restyling non sono stati comunicati: ragionevole ipotizzare un ventaglio compreso fra i circa 21.000 e i circa 36.000 euro. Per combattere ad armi pari con rivali del calibro di Jeep Compass, Peugeot 3008, Kia Sportage, Hyundai Tucson, Mazda CX-5, Skoda Karoq, Seat Ateca e Volkswagen Tiguan. Con una chicca: il nuovo allestimento Tekna+, il più ricco. Oltre alle calotte specchi satinate e barre al tetto, aggiunge sedili in pelle nappa (nero o prugna), sedile guidatore con supporto lombare a quattro punti e funzione di memoria con due posizioni predefinite collegate agli specchi retrovisori.

La scheda

Motore: 1.6 turbodiesel 2WD con cambio automatico
Potenza: 130 CV
Consumo medio (ciclo combinato): 4,7 litri/100 km
Emissioni CO2: 122 g/km
Accelerazione 0-100 km/h: 11,1 secondi
Garanzia: 3 anni/100.000 km

Scheda Versione

Nissan Qashqai
Nome
Qashqai
Anno
2014 (restyling del 2017)
Tipo
Normale
Segmento
compatte
Carrozzeria
SUV e Crossover
Porte
5 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Nissan , auto giapponesi


Vai allo speciale
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 26
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 24
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 23
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 23
Vai al Salone Salone di Francoforte 2017
 
Top