dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 25 febbraio 2008

Mercedes Bionic Car

L'auto ispirata ad un pesce tropicale al MoMA di New York

Mercedes Bionic Car
Galleria fotografica - Mercedes Bionic Car conceptGalleria fotografica - Mercedes Bionic Car concept
  • Mercedes Bionic Car concept - anteprima 1
  • Mercedes Bionic Car concept - anteprima 2
  • Mercedes Bionic Car concept - anteprima 3
  • Mercedes Bionic Car concept - anteprima 4
  • Mercedes Bionic Car concept - anteprima 5
  • Mercedes Bionic Car concept - anteprima 6

Ha un'apparenza insolita ma fortemente aerodinamica. Riesce a muoversi consumando una quantità minima di energia. Grazie alla sua particolare struttura esce indenne dalle collisioni. Non è un'automobile, ma un pesce che vive a latitudini tropicali chiamato Ostracion Cubicus e che per queste qualità è stato scelto come fonte d'ispirazione da Mercedes per la sua Bionic Car, che i lettori più attenti ricorderanno per via della presentazione nel 2005 all'Innovation Symposium organizzato da Daimler AG a Washington.

Proprio come il catarifrangente è nato dallo studio approfondito delle pupille di un gatto, anche la Mercedes Bionic Car deve quindi le sue caratteristiche distintive a quelle di un animale. Il risultato è una vettura due porte, con quattro sedili a forma di goccia, lunga 4,24 metri, larga 1,82 mt ed alta 1,59 metri.

Nello specifico, sulla base della Soft Kill Option (SKO), gli ingegneri Mercedes, insieme ad esperti di bionica, hanno sviluppato un processo per trasferire alla tecnologia automobilistica il principio della crescita utilizzato dalla natura. E' così che, attraverso simulazioni al computer, sono stati configurati telaio e componenti delle sospensioni che traggono spunto dallo scheletro a piastra del "pesce scatola" e delle portiere dotate di una struttura ad alveare che aumenta del 40% la rigidezza, riducendo al tempo stesso del 30% il peso.

Riguardo alla motorizzazione proprio questo concept, equipaggiato con un diesel BLUETEC, ha avuto un importante ruolo di apripista per Mercedes in fase di controllo delle emissioni. È stata infatti la prima test car a montare la tecnologia SCR (Selective Catalytic Reduction). Nel ciclo di guida UE la Mercedes Bionic Car consuma, secondo quanto dichiarato dalla Casa, 4,3 litri ogni 100 chilometri, il 20% in meno rispetto a un modello di serie. Con una potenza erogata di 140 CV, guidando alla velocità costante di 90 km/h, il modello ad iniezione diretta consuma 2,8 litri di diesel ogni 100 km.

La Mercedes Bionic Car sarà esposta fino al 12 maggio al Museo d'Arte Moderna di New York, in occasione della mostra "Design and the Elastic Mind".

Autore:

Tag: Prototipi e Concept , Mercedes-Benz , new york


Top