Prototipi e Concept

pubblicato il 12 giugno 2017

Dossier Concept Dimenticate

Volkswagen Concept T, il SUV coupé prima di tutti

Un po' sportiva e un po' SUV, con linee da buggy, il prototipo del 2004 aveva portiere apribili verso l'alto

Volkswagen Concept T, il SUV coupé prima di tutti
Galleria fotografica - Volkswagen Concept T 2004Galleria fotografica - Volkswagen Concept T 2004
  • Volkswagen Concept T 2004 - anteprima 1
  • Volkswagen Concept T 2004 - anteprima 2
  • Volkswagen Concept T 2004 - anteprima 3
  • Volkswagen Concept T 2004 - anteprima 4
  • Volkswagen Concept T 2004 - anteprima 5
  • Volkswagen Concept T 2004 - anteprima 6

Nei primi anni '00 i SUV non subivano ancora le contaminazioni di altre vetture ed erano semplicemente SUV, ovvero modelli alti da terra con un look meno estremo e gagliardo rispetto ai fuoristrada. In quel periodo la categoria era agli esordi e la voglia di sperimentare non ancora radicata. Poi arriva la Volkswagen Concept T e si afferma un nuovo modo di concepire il SUV, dove l'assetto rialzato e gli archi passaruota molto generosi si abbinano a linee sportiveggianti e a portiere apribili verso l'alto. Non a caso gli articoli dell'epoca coniarono l'espressione SUV coupé, mettendola però fra virgolette, segno che un modello di questo genere appariva come una sorta di esperimento e difficilmente sarebbe potuto entrare in vendita. Oggi invece i SUV coupé hanno una loro autonomia e sono fra le auto più di moda sul mercato.

Frontale da Golf, portiere da Lamborghini

La Volkswagen Concept T viene mostrata a inizio 2004 ed è annuncita dall'azienda tedesca come la prima esponente di una nuova categoria, anche se in quel periodo i SUV coupé erano ancora molto lontani nel tempo (la BMW X6 sarebbe arrivata nel 2007). Il prototipo è una sorta di meticcio fra vetture dall'impostazione molto diversa: l'altezza da terra è generosa come quella di un SUV, le ruote quasi scoperte richiamano i dune buggy e il parabrezza ha la stessa inclinazione che sulle sportive. La Concept T non è un modello privo di legami con le altre Volkswagen dell'epoca, ma anzi riprende il frontale della Golf di quinta generazione, anche se il cofano appare più bombato ai lati ed i montanti anteriori sono più spessi e rastremati. Gli specchietti laterali si trovano in posizione rialzata e non sulle portiere, che si aprono a forbice come sulle Lamborghini.

Con 240 CV va da 0 a 100 km/h in 6,9 secondi

Il tetto si può rimuovere e lascia in evidenza solo il montante centrale, che svolge una funzione di sicurezza e ne assolve anche una estetica: da lì parte la verniciatura bicolore che caratterizza la metà superiore dell'auto. In caso opposto, a vettura chiusa, il prototipo assume le sembianze di una vera coupé e denota una certa aggressività nella vista di tre/quarti posteriore, complice il sottile lunotto e gli archi passaruota molto accentuati. La Concept T adotta il sistema di trazione integrale 4Motion, monta ruote da 19 pollici e si avvale di un motore benzina a 6 cilindri da 241 CV, che le regala prestazioni di buon livello: per lo 0-100 km/h bastano 6,9 secondi, stando ai valori della casa, mentre la velocità massima è di 230 km/h.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Volkswagen , auto europee , car design


Vai allo speciale
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 17
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 24
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 21
  • Le ragazze del Salone di Francoforte 2017 - Salone di Francoforte 2017 - 18
Vai al Salone Salone di Francoforte 2017
 
Top