dalla Home

Live

pubblicato il 8 giugno 2017

Dossier Salone dell’Auto di Torino Parco Valentino 2017

Lancia 037hybrid-polito, l’hanno fatta ibrida e 4x4 [VIDEO]

Per gli irriducibili del rally è un “affronto”, ma si tratta di uno studio molto interessante

Galleria fotografica - La Lancia 037hybrid-polito del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017Galleria fotografica - La Lancia 037hybrid-polito del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017
  • La Lancia Zero37 del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017 - anteprima 1
  • La Lancia Zero37 del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017 - anteprima 2
  • La Lancia Zero37 del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017 - anteprima 3
  • La Lancia Zero37 del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017 - anteprima 4
  • La Lancia Zero37 del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017 - anteprima 5
  • La Lancia Zero37 del Politecnico di Torino a Parco Valentino 2017 - anteprima 6

Dici ibrido, pensi all’ambiente, alla riduzione dei consumi e delle emissioni. Poi però ci sono anche casi di ibrido diametralmente opposti. Ibridi sono i prototipi che corrono la 24 Ore di Le Mans, ibride sono le Formula 1 e le hypercar più estreme al mondo come Ferrari LaFerrari, McLaren P1 e Porsche 918 Spyder. Al gruppo dei "cattivi" si è appena aggiunto uno studio molto interessante del Politecnico di Torino, presentato non a caso al Salone di Torino: la "037hybrid-polito". Sì, proprio lei, un’icona dei rally vecchio stampo come la Lancia Rally 037, è stata presa e stravolta da un gruppo di studenti di ingegneria di Torino.

Cosa le hanno fatto? Hanno unito il 1.750 turbobenzina dell’Alfa Romeo 4C - posizionato dietro - e un elettrico (montato invece davanti), trasformandola dunque nel profondo: da trazione posteriore, la 037 diventa dunque 4x4 senza bisogno di alberi di trasmissione. Un lavoro molto complesso, che ha coinvolto non solo gli ingegneri meccanici, ma anche gli elettronici e gli elettrici, per calibrare e far funzionare al meglio tutto il sistema. Non solo: pesanti sono anche gli interventi sull’aerodinamica, il cui elemento di spicco è la grande ala posteriore. Detto questo, il lavoro dei ragazzi del Politecnico di Torino non è ancora terminato, perché adesso inizia la fase di collaudo su strada, per la messa a punto finale.

Autore: Redazione

Tag: Live , auto storiche , auto italiane , auto ibride


Top