dalla Home

Novità

pubblicato il 19 febbraio 2008

Fiat 500 Abarth

Molto più di un semplice tuning

Fiat 500 Abarth
Galleria fotografica - Fiat 500 AbarthGalleria fotografica - Fiat 500 Abarth
  • Fiat 500 Abarth - anteprima 1
  • Fiat 500 Abarth - anteprima 2
  • Fiat 500 Abarth - anteprima 3
  • Fiat 500 Abarth - anteprima 4
  • Fiat 500 Abarth - anteprima 5

E' fin troppo facile additarla come una specie di brutto anatroccolo pensando alla semplicità e al fascino femminile del modello da cui deriva. La Fiat 500 ha fatto breccia nel cuore degli appassionati, inutile negarlo: le strade sono ridondanti di esemplari della piccola utilitaria Fiat. La versione Abarth è ben più di una semplice e banale reinterpretazione del concetto come potrebbe essere un'elaborazione Gemballa o Techart per una Porsche 911.
"Chi" ha pensato di creare la Fiat 500 Abarth non è un tuner senza storia, ma un marchio con una serie di trascorsi che realizzano un percorso lungo ben oltre mezzo secolo, i cui capitoli sono eufemisticamente avvincenti: piloti famosi, modelli imbattibili nelle competizioni, progetti faraonici (quanti sanno che l'Abarth iniziò il progetto di una berlinetta con motore 12 cilindri 6 litri), preparazioni meccaniche di grande qualità ingegneristica (non le inguardabili volgarizzazioni estetiche delle utilitarie di oggi).
Ecco perché chi già possiede una 595 o una 695 ha già ordinato la nuova 500 Abarth.

CARISMA
L'abbiamo potuta vedere di persona presso il nuovo stabilimento di Torino. Può piacere e non piacere ("de gustibus non disputandum est", del resto), ma se per un momento la si ammirasse, nella completezza del suo colore bianco con quella vezzosa striscia rossa, avendo in mente le piccole ma indiavolate (all'epoca) Abarth 595 e 695, si potrebbe, molto probabilmente, riuscire a cogliere l'essenza della nuova Fiat 500 Abarth.
Bassa, larga, e con uno sviluppo delle forme che suggeriscono la compattezza dell'abitacolo per allargarsi progressivamente fino alle sinuose forme dei fianchi, con quei passaruota così gonfi e che dichiarano forza (del resto una formica non riesce, forse, a spostare oggetti pesanti anche 6 volte il suo stesso peso?), la piccola bomba di casa Fiat è stata svelata per pochi minuti prima del bagno di folla del prossimo Salone di Ginevra (6 - 16 marzo). L'impressione del corpo vettura abbassato è ulteriormente accentuato dalla minigonna laterale che dona l'effetto di uno schiacciamento al suolo e che dona un particolare effetto "a incasso" alla portiera, quasi ci fosse posto per ricavare una nuova presa di flusso per convogliare aria posteriormente.
Davanti colpisce senza dubbio il nuovo "musone" caratterizzato da prominenti aperture per l'ingresso dell'aria nella zona inferiore con griglie a nido d'ape, ulteriormente accentuate nella loro declinazione sportiva dagli sfoghi laterali sul passaruota. Posteriormente, l'immagine sportiva sta tutta nei due terminali di scarico inseriti nel contesto del piccolo profilo estrattore (più per un vezzo di design che non per reali esigenze aerodinamiche). Tutto sommato, però, il classico scarico gemellato della sua progenitrice (vanto della produzione di accessori Abarth) avrebbe potuto ricevere un più degno omaggio.

MECCANICA
Come già specificato, la piccola bombetta torinese sfoggia un piccolo 4 cilindri turbo da 1,4 litri di cilindrata in grado di fornire 135 CV a 5.500 giri e una coppia massima di 206 Nm a 3.000 giri erogati in modalità "Sport" (in modalità di erogazione "Normal", la coppia si riduce a 180 Nm a 2.500 giri). Tuttavia, dalla primavera saranno disponibili, due kit: "Assetto" ed "SS" (EsseEsse), quest'ultimo sviluppato per consentire alla 500 Abarth di elevare la potenza massima a 160 CV.
Ulteriore suo punto di forza è un nuovo pseudo-differenziale denominato TTC (Torque Transfer Control) e gestito interamente dall'elettronica, studiato per ripartire al meglio la trazione sulle ruote motrici (anteriori).

LA CONCORRENZA
Renault Clio Cup R27, Mini Cooper S e Opel Corsa OPC hanno tutte valori di potenza massima pari (se non molto superiori) a 180 CV. Una caratteristica non da poco dal momento che, per simili "giocattoli", la sola e definitiva conferma della bontà del progetto è data dalle qualità stradali, onde non ricadere nel (laconico) giudizio di un'ennesima operazione di puro marketing attuata con il solo scopo di una soddisfazione effimera, che si ferma all'estetica e al contenuto simbolico.

Insomma: la Fiat 500 Abarth (che mette sul piatto 135 CV, incrementabili a 160), per ora solo una sfiziosissima "auto ferma", dovrà dimostrare di avere tanta sostanza, di possedere un'indole che possa essere inequivocabilmente giudicata paragonabile a quella delle sopraccitate concorrenti, tutte oltremodo agguerrite e con una verve decisa, caratterizzata da vere e proprie punte di selvatichezza che costituiscono quell'overboost emozionale necessario per conquistare definitivamente il cliente, soprattutto quello che sogna le 595 e 695.

Scheda Versione

Abarth 500
Nome
500
Anno
2008 - F.C.
Tipo
Normale
Segmento
citycar
Carrozzeria
2 volumi
Porte
3 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Novità , Abarth


Top