dalla Home

Attualità

pubblicato il 22 maggio 2017

Ford, Jim Hackett eletto Presidente e CEO al posto di Mark Fields

Il suo compito è quello di modernizzare e trasformare il Gruppo americano per affrontare le sfide future

Ford, Jim Hackett eletto Presidente e CEO al posto di Mark Fields

Il nuovo Presidente e CEO di Ford Motor Company è Jim Hackett, nominato oggi al posto di Mark Fields. Il compito di Hackett è quello di traghettare il Gruppo americano - insieme all'Executive Chairman Bill Ford - verso le sfide del futuro, gettando le basi fin da subito attraverso la riorganizzazione interna dell'azienda e la modernizzazione del business attuale (in che modo? A breve dovremmo scoprirlo). Hackett ricopriva già un ruolo importante in Ford: fino a oggi era a capo della divisione Smart Mobility LLC. La sua nomina a Presidente e CEO è dunque molto significativa: consegnare la Ford nelle mani di un manager che fino a oggi si è occupato di smart mobility è una scelta molto chiara sul futuro dell'azienda. Contestualmente al cambio di leadership, variano anche altre posizioni importanti nel management Ford. Jim Farley diventa "executive vice president and president" per il mercato globale; Joe Hinrichs "executive vice president and president, Global Operations"; and Marcy Klevorn, infine, assume il ruolo di executive vice president and president, Mobility

Il siluramento di Mark Fields non si può certo difinire un fulmine a ciel sereno: da diversi mesi arrivavano indiscrezioni, dagli USA, sulla scarsa fiducia che ormai riponevano in lui il board e l’Executive Chairman Bill Ford. Causa: l’incessante scetticismo degli analisti di Wall Street sulla strategia del Gruppo americano. Uno scetticismo molto forte, visto che dall'insediamento di Fields a metà del 2014, le azioni di Ford sono calate del 40%. Nel dettaglio, a non convincere gli esperti di finanza, è la capacità dell’azienda di Dearborn di affrontare un’eventuale crisi economica o un rialzo improvviso dei prezzi del petrolio. A nulla è dunque valso il “nuovo corso” impresso da Mark Fields per trasformare Ford da Casa automobilistica a fornitore di servizi di mobilità. Anzi, proprio su questo punto, sempre secondo le indiscrezioni riportate da Forbes, Bill Ford e il board rimproverano a Fields una certa “fumosità”. Detto questo, sarebbe anche già pronto il nome del sostituto: si tratta di un top manager interno, vale a dire James P.Hackett

Autore:

Tag: Attualità , Ford , auto americane


Top