dalla Home

Test

pubblicato il 5 giugno 2017

Dossier OmniAuto.it Garage Infiniti

Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili [VIDEO]

Lusso e tecnologia sono i punti forti di questa coupé. Ecco come valorizzarla al meglio

Galleria fotografica - Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabiliGalleria fotografica - Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili
  • Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili - anteprima 1
  • Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili - anteprima 2
  • Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili - anteprima 3
  • Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili - anteprima 4
  • Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili - anteprima 5
  • Infiniti Q60, i quattro accessori irrinunciabili - anteprima 6

Andrea, che per la Q60 si è occupato degli optional, non resiste al rimando cinematografico: in Three Kings, un film con George Clooney, a un certo punto i protagonisti discutono animatamente a proposito di una vecchia Infiniti, all’interno di un contesto dove si parla di auto lussuose. Citazione non casuale, visto che è proprio qui, nel lusso, che il marchio giapponese vuole dire la sua, a modo suo. Ma di questo si è  parlato nelle prove di Adriano e di Giuliano. Qui si parla di come valorizzare al meglio un prodotto già molto ricco di suo.

Schermi dappertutto

Il primo display su cui cade l’occhio, appena ci si siede al posto di guida, è quello al centro della strumentazione. Ma ce n’è un altro più grande, da 8”, che è optional a 2.450 euro ed è configurabile: si può per esempio dividere in due e selezionarne le funzioni a sfioramento o con l’apposito rotore. Non mancano il riconoscimento vocale per il navigatore e la tecnologia DAB per il sistema audio. Tornando agli schermi, quello più moderno - ed è di serie - è senza dubbio quello da 7 pollici che gestisce le app e le varie funzioni della Q60. Ok, gli schermi sono finiti, allora si può passare dalla vista all’udito, all’impianto Bose® Performance Series con tanto di 13 altoparlanti: per averlo, sulle versioni Premium e Sport si deve ordinare il Multimedia Pack (3.300 euro), che invece è di serie sugli allestimenti Premium Tech e Sport Tech.

L’importanza di vederci bene

Il nome dice tutto: Visibility Pack. Costa 1.300 euro e arricchisce la dotazione con i fari adattivi AFS, l’attivazione automatica degli abbaglianti, l’assistente di parcheggio e le telecamere con visione a 360° attorno alla macchina. Ultimo, ma non certo per importanza, lo sterzo elettronico diretto: per Infiniti è la soluzione ideale per il massimo confort in città e piacere sul veloce. Sappiate che è di serie su Sport e Sport Tech e non si può avere sulle altre versioni.

Per richiedere un test drive gratuito cliccate qui.

Scheda Versione

Infiniti Q60
Nome
Q60
Anno
2016
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Infiniti , auto giapponesi


Listino Infiniti Q60

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0t Premium Tech auto posteriore benzina 211 2 4 € 53.400

LISTINO

3.0t S Sport auto AWD 4x4 benzina 405 3 4 € 62.400

LISTINO

3.0t S Sport Tech auto AWD 4x4 benzina 405 3 4 € 68.900

LISTINO

 

Top