dalla Home

Test

pubblicato il 29 maggio 2017

Dossier OmniAuto.it Garage Infiniti

Come funziona lo sterzo via cavo dell’Infiniti Q60 [VIDEO]

Un sistema molto sofisticato basato su sensori, attuatori e centraline sostituisce il classico piantone

Galleria fotografica - Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavoGalleria fotografica - Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo
  • Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo - anteprima 1
  • Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo - anteprima 2
  • Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo - anteprima 3
  • Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo - anteprima 4
  • Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo - anteprima 5
  • Infiniti Q60, come funziona lo sterzo via cavo - anteprima 6

Così tanto avanti, nessuno mai si era spinto: “scollegare” le ruote anteriori dal volante. No, tranquilli: anche sulla Infiniti Q60 un collegamento meccanico fra avantreno e mani del guidatore continua ad esistere, ma è presente solo in caso di emergenza; qualora, cioè, la centralina dovesse rilevare un’anomalia nel sistema di sterzata attiva. Ma come funziona nel dettaglio questa tecnologia rivoluzionaria dei giapponesi?

Dal piantone agli attuatori

Facciamo un passo indietro: da oltre 100 anni, le ruote girano a destra e a sinistra perché il movimento impresso con le mani al volante viene trasmesso al piantone (suddiviso in più alberi in acciaio uniti tra loro mediante giunti chiamati “cardanici”) e poi a un ingranaggio - la cremagliera, su quasi tutte le auto moderne - che collega tra loro le ruote attraverso i bracci di sterzo. Nel caso del sistema della Infiniti, invece, dei sensori rilevano angolo e velocità di rotazione del volante. Queste rilevazioni vengono trasformate successivamente in segnali elettrici da un attuatore, i quali poi, via cavo, raggiungono le centraline elettroniche che comandano altri attuatori elettrici, questa volta montati sulla cremagliera. Un giro molto complesso, lungo da spiegare, ma che si completa in pochissimi attimi. Millesimi.

Ci vuole occhio (elettronico)

In pratica c’è un’intelligenza artificiale che interpreta il movimento delle mani e lo traduce in movimenti delle ruote. Prima di prendere ogni decisione, però, vengono valutati anche forza e velocità con cui si agisce sul volante, uso del gas e del cambio e velocità della macchina. Tutti questi dati vengono infine “incrociati” con le immagini riprese della telecamera frontale. Ma perché complicarsi così tanto la vita con uno sterzo tanto complesso? L’obiettivo primario è quello di trasmettere il meno possibile (se non per niente) le sollecitazioni legate alle irregolarità dell’asfalto, alle diverse inclinazioni della strada e ai disturbi del vento laterale.

Per richiedere un test drive gratuito cliccate qui.

Scheda Versione

Infiniti Q60
Nome
Q60
Anno
2016
Tipo
Premium
Segmento
medie
Carrozzeria
coupé
Porte
2 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Infiniti , auto giapponesi


Listino Infiniti Q60

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
2.0t Premium Tech auto posteriore benzina 211 2 4 € 53.400

LISTINO

3.0t S Sport auto AWD 4x4 benzina 405 3 4 € 62.400

LISTINO

3.0t S Sport Tech auto AWD 4x4 benzina 405 3 4 € 68.900

LISTINO

 

503 Service Unavailable

Error 503 Service Unavailable

Service Unavailable

Guru Meditation:

XID: 3506693483


Varnish cache server

Top