dalla Home

Attualità

pubblicato il 19 maggio 2017

Innocenti rinasce a Palermo

Una piccola cordata di imprenditori dà vita alla Innocenti Italia S.r.l. con l'obiettivo di rilanciare lo storico marchio

Innocenti rinasce a Palermo
Galleria fotografica - I modelli storici InnocentiGalleria fotografica - I modelli storici Innocenti
  • I modelli storici Innocenti - anteprima 1
  • I modelli storici Innocenti - anteprima 2
  • I modelli storici Innocenti - anteprima 3
  • I modelli storici Innocenti - anteprima 4
  • I modelli storici Innocenti - anteprima 5
  • I modelli storici Innocenti - anteprima 6

A distanza di venti anni torna sul mercato il marchio Innocenti. Fondato a Milano nel 1947 dall’imprenditore Ferdinando Innocenti, già conosciuto per aver ideato i famosi tubi da impalcature, il marchio automobilistico ha conosciuto i suoi momenti migliori con veicoli come la Lambretta e la Mini. Fra le produzioni più importanti ricordiamo la versione italiana dell'Austin A40 inglese e la piccola cabrio sportiva Innocenti 950 Spider, la prima auto progettata a Lambrate, la piccola cabrio sportiva e presentate assieme al Salone dell'Automobile di Torino nell'autunno 1960.

Con la Mini il maggior successo

Come detto, la massima espressione di Innocenti si è avuta negli anni sessanta con l’arrivo dall’inghiltera dell licenze Mini Minor di cui Innocenti si fece interprete producendo auto decisamente più raffinate rispetto alla versione originale, come la Mini 1000 o la Mini 1001, caratterizzata da inserti interni in legno, moquette e cromature, fino a quando Brithis Leyland ha rileva il marchio dando vita al nuovo brand Leyland Innocenti.

La sfida di Palermo

Oggi Innocenti rinasce a Palermo grazie a una cordata di imprenditori: industrie Riunite SpA, Euro Mobile International B.V., Finambiente Group SpA e Famiglia Perrotta che hanno dato vita alla Innocenti Italia S.r.l. Fra i progetti della nuova azienda motoristica ci sono quelli di cercare di rinnovare l’immagine del Marchio sfruttando la tradizione industriale e manifatturiera del polo siciliano. Gli obiettivi dichiarati sono quelli di far incontrare la qualità del design automobilistico italiano come con l’innovazione tecnologica, creando uno stile caratteristico e ponendosi in maniera competitiva sul mercato internazionale. Progetti decisamente ambiziosi per cui non resta che attendere per vederne l'effettiva realizzazione.

Autore: Francesco Stazi

Tag: Attualità , auto italiane


Top