dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 17 maggio 2017

Nuova BMW M5, in un attimo da trazione integrale a posteriore

Con l'inedito sistema di trazione M xDrive passa a piacere dal 4WD al 2WD

Nuova BMW M5, in un attimo da trazione integrale a posteriore
Galleria fotografica - Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipiGalleria fotografica - Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi
  • Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi - anteprima 1
  • Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi - anteprima 2
  • Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi - anteprima 3
  • Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi - anteprima 4
  • Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi - anteprima 5
  • Nuova BMW M5 con M xDrive, i prototipi - anteprima 6

La nuova BMW M5 che con ogni probabilità vedremo debuttare al prossimo Salone di Francoforte (14-24 settembre 2017) sarà la prima berlina sportiva di Monaco a poter essere utilizzata sia con la trazione integrale che con la tanto amata trazione posteriore. Il merito di questa inedita e camaleontica capacità di modificare a piacimento la dinamica di guida va al nuovissimo sistema di trazione M xDrive che si può regolare su tre modalità e che con la disattivazione del DSC arriva alla pura trazione posteriore. Come ci racconta la Casa tedesca accompagnandosi con una serie di foto del prototipo camuffato, il motore della nuova M5 è l'ultima evoluzione del 4.4 V8 TwinPower Turbo che abbinato al solo cambio Steptronic M a 8 rapporti con Drivelogic promette di regalare prestazioni nettamente migliori rispetto al modello precedente e un consumo combinato ridotto a 10,5 l/100 km.

Cinque modalità di guida, una per ogni gusto

Ma andiamo a vederle un po' più da vicino le chicche tecniche di cui è dotata la nuova BMW M5, sesta generazione della berlina ad alte prestazioni che porta al debutto l'M xDrive capace di combinare "l'agilità e la precisione di un sistema convenzionale con la robustezza e trazione del sistema a quattro ruote motrici". In pratica il guidatore della nuova M5 xDrive dispone di cinque configurazioni che si basano sulle differenti combinazioni delle modalità del DSC (DSC On, MDM; DSC Off) e delle modalità M xDrive (4WD; 4WD Sport, 2WD) e gli permettono di variare la trazione a seconda dei gusti personali e del momento. Chi non vuole rinunciare al piacere più puro della trazione posteriore possono quindi disattivare in ogni momento la trazione integrale che è comunque impostata per privilegiare il posteriore.

Trazione integrale o posteriore in un attimo

All'avvio della vettura la nuova BMW M5 è sempre nelle modalità 4WD con DSC On, quella che tollera inizialmente lo slittamento delle ruote posteriori per assicurare la tipica agilità M. Volendo ottenere qualche emozione in più dalla guida si può optare per la seconda configurazione: M Dynamic Mode (MDM) con modalità M xDrive e 4WD Sport. In questo modo le ruote posteriori possono slittare ancora di più e permettere delle derapate controllate entro i limiti di sicurezza. Disattivando invece il DSC si inizia a fare sul serio e si hanno a disposizione le tre modalità di guida 4WD, 4WD Sport e 2WD. In modalità 4WD M xDrive la vettura ha un'impostazione neutra per favorire una controllabilità ottimale e una trazione eccellente, con la 4WD Sport M xDrive si favorisce l'agilità e l'handling leggero per il il massimo divertimento di guida, mentre con la 2WD e il differenziale attivo M la nuova BMW M5 "offre al guidatore impegnato il divertimento di guida purista e affascinante che può regalare solo una berlina high-performance azionata esclusivamente dalle ruote posteriori".

Autore:

Tag: Anticipazioni , Bmw , auto europee


Top