dalla Home

Test

pubblicato il 12 maggio 2017

Dossier Pilota Kid, l’arte (marziale) della guida sportiva

Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci [VIDEO]

Imparati i trucchi delle auto a trazione anteriore e integrale, Frax passa a quelle con trazione posteriore: è il turno del drfting

Galleria fotografica - Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirciGalleria fotografica - Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci
  • Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci - anteprima 1
  • Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci - anteprima 2
  • Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci - anteprima 3
  • Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci - anteprima 4
  • Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci - anteprima 5
  • Pilota Kid: guidare una sportiva, come riuscirci - anteprima 6

Anche la guida in pista, come le arti marziali, è una disciplina che si impara per gradi attraverso la pratica costante. Il nostro videogamer Frax si è attenuto a questa filosofia e in poche settimane di esercizi ha abbandonato il livello di principiante, bruciando le tappe e avvicinandosi al livello di "Pilota Kid", cioè di un allievo che impara a diventare pilota insieme ad un "Maestro" (Giuliano) e al programma di allenamento della Ford Driving University, la scuola di pilotaggio organizzata da Ford e dedicata a tutte le persone che acquistato vetture delle linee sportive ST, RS e Mustang. Ora però Frax è chiamato al test più difficile: salire a bordo di una vettura a trazione posteriore e imparare i segreti delle vetture con queste caratteristiche, più impegnative rispetto ai modelli con trazione anteriore o integrale.

Se l’auto “spinge” va guidata diversamente

Frax si è allenato finora con le più semplici ed intuitive Focus ST e Focus RS, modelli prestazionali ma vicini a quelli di tutti i giorni in termini di reazioni al volante. Il comportamento della Mustang richiede invece capacità diverse e correzioni molto più incisive, perché non basta alzare il piede dall’acceleratore per togliersi d’impaccio (come sulle auto a trazione anteriore) ma è necessario correggere la traiettoria in maniera più decisa e innaturale. Per gestire correttamente un’auto a trazione posteriore bisogna imparare la tecnica del controsterzo, girando il volante in direzione opposta al senso della curva per correggere lo slittamento delle ruote posteriori e riprendere il controllo dell’auto. I più moderni sistemi di guida consentono di prevenire queste situazioni, ma è sempre meglio saperle gestire quando i cavalli a disposizione sono oltre 400.

Anche la Focus RS sa sbandare come una trazione posteriore

Il nostro gamer è salito così a bordo di una Ford Mustang e svolto due esercizi: l’uso del volante senza anticipare la traiettoria in curva e l’incrocio dello sterzo per controsterzare e riallineare nei sovrasterzi di potenza, situazione molto frequente con modelli a trazione posteriore, dove le potenze in gioco sono generalmente superiori rispetto alle vetture con trazione anteriore. Frax ha poi perfezionato la tecnica di guida con la Focus RS, a quattro ruote motrici, imparando a gestirla di traverso in curva attraverso la funzionalità Drift Mode: il 70% della coppia è inviato sulle ruote posteriori e in 0,06 secondi la coppia può passare al 100% da una ruota posteriore all’altra, così da assecondare la voglia di far fumare le gomme del pilota.

Autore: Redazione

Tag: Test , Ford , auto americane


Top