dalla Home

Anticipazioni

pubblicato il 11 maggio 2017

Dossier Pilota Kid, l’arte (marziale) della guida sportiva

Guida sportiva, sbagliando si impara... [VIDEO]

Un nostro tester batte ai videogiochi un gamer, che vuole rifarsi nella realtà

Galleria fotografica - Ford Driving University, le lezioni di guida sportivaGalleria fotografica - Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva
  • Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva - anteprima 1
  • Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva - anteprima 2
  • Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva - anteprima 3
  • Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva - anteprima 4
  • Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva - anteprima 5
  • Ford Driving University, le lezioni di guida sportiva - anteprima 6

Tra realtà e videogiochi, nel mondo delle auto, esiste un legame chiamato simulatori di guida. E non è un caso che ci siano stati campioni di videogame in grado di imparare in poco tempo a guidare un'auto da corsa vera, arrivando a partecipare anche a una gara impegnativa come la 24 Ore di Le Mans. Al contrario, non è detto che chi sappia guidare al limite nella realtà sia anche bravo in un videogioco. Su questo, il nostro tester Giuliano e il gamer Frax si sono già confrontati in passato e... diciamo che per lo youtuber non è andata benissimo. Da qui, è nata una sfida: insegnargli a guidare sul serio, con delle sportive vere, in pista. Ecco come Giuliano, Frax e la Ford Driving University si sono trovati insieme sull'Autodromo di Magione.

Non basta solo la pratica

Un nome, un programma: all'università Ford si tengono lezioni teoriche di guida sicura e sportiva, prima degli “esami” che fanno conoscere ai guidatori poco esperti le reazioni delle loro auto in determinati frangenti, ad esempio nelle frenate o quando si vuole effettuare una sbandata controllata in sovrasterzo. Ai partecipanti verranno insegnati i concetti di modulazione e compensazione, oltre alle tecniche per gestire i trasferimenti di carico e l’auto in condizioni limite, fondamentali per mantenere sempre il controllo anche quando i pneumatici vengono messi sotto sforzo. Alla “cattedra” ci saranno istruttori o e piloti, a conferma del fatto che non basta la patente per saper guidare: modelli con almeno 185 CV di potenza vanno conosciuti e scoperti tramite i consigli di maestri qualificati.

Tre tipologie di trazione

Chi acquista un modello sportivo è richiamato dal motore e dai cavalli disponibili, sottovalutando il fatto che un’auto si guida in maniera diversa a seconda del genere di trazione. Non è un caso quindi se alla Ford Driving University si fa pratica con modelli a trazione anteriore (le Fiesta ST e Focus ST), integrale (Focus RS) o posteriore (Mustang), che rispondono in maniera diversa alle reazioni dell’acceleratore o ai trasferimenti di carico: con i modelli a trazione anteriore si dovrà imparare a controllare il sottosterzo, con quelli a trazione posteriore sarà fondamentale gestire la coda che allarga. Gli autodromi scelti per la Ford Driving University 2017 sono quelli di Cervesina (Pavia), Modena, Misano (Perugia), Anagni (Frosinone) e Racalmuto (Agrigento).

Pilota Kid

E poi c'è l'Autodromo di Modena. È lì che vi diamo appuntamento per vedere se Frax riuscirà a seguire gli insegnamenti di Giuliano, che gli farà da maestro in senso lato, non solo per quel che riguarda le tecniche di guida. La storia di Pilota Kid sta per iniziare, ve la racconteremo nei prossimi video!

Autore: Redazione

Tag: Anticipazioni , Ford , auto europee


Top