dalla Home

Curiosità

pubblicato il 9 maggio 2017

Schumacher, arrivata la condanna per chi ha scritto il falso

Il magazine Bunte dovrà ripagare la famiglia per le notizie false sulla sua salute

Schumacher, arrivata la condanna per chi ha scritto il falso
Galleria fotografica - Michael Schumacher, le immagini di un CampioneGalleria fotografica - Michael Schumacher, le immagini di un Campione
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 1
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 2
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 3
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 4
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 5
  • Michael Schumacher, le immagini di un Campione - anteprima 6

Michael Schumacher continua la sua riabilitazione, senza che nessuno sappia esattamente come sta, da quando nel 2013 è rimasto vittima di quel tragico incidente sugli sci. In questi anni di silenzio, rotti solo da poche dichiarazioni ufficiali della portavoce Sabine Kehm, molti giornali hanno scritto di tutto, anche notizie false, come nel caso del tedesco Bunte che nel 2015 sostenne che Schumacher potesse camminare. A distanza di quasi due anni il tribunale di Amburgo ha condannato la testata a pagare alla famiglia un risarcimento di 50.000 euro e a sostenere il 65% dei costi per le spese legali, a cui si aggiunge una multa supplementare di 950 euro.

Al momento non ci sono dichiarazioni ufficiali. L’ultima affermazione su Michael Schumacher, in ordine cronologico, è quella dell’amico Ross Brawn, ex Dirigente Sportivo, che circa un mese fa ha detto: “Ci sono troppe speculazioni sulle condizioni di Michael, la gran parte delle quali sbagliate. Ci sono segnali incoraggianti e stiamo tutti pregando ogni giorno perché se ne vedano altri”. A proposito di “speculazioni”, torna in mente il tentativo di un ignoto di vendere una foto di Schumacher per 1 milione di euro. La famiglia ha sporto denuncia e avvertito i giornali di non cedere alla tentazione dell’acquisto se non volevano ritrovarsi anche loro in tribunale. Intanto, lo ricordiamo, Michael si trova nella sua villa in Svizzera, dove è assistito da medici specializzati. I nostri migliori auguri a lui e ai suoi familiari.

Autore:

Tag: Curiosità , schumacher


Top