dalla Home

Prototipi e Concept

pubblicato il 8 maggio 2017

Dossier Concept Dimenticate

Ford Shelby GR-1, a 40 anni dal mito

Il prototipo del 2004 rende omaggio alla Shelby Daytona, fortunata auto da corsa che sconfisse la Ferrari 250 GTO

Ford Shelby GR-1, a 40 anni dal mito
Galleria fotografica - Ford Shelby GR-1Galleria fotografica - Ford Shelby GR-1
  • Ford Shelby GR-1 - anteprima 1
  • Ford Shelby GR-1 - anteprima 2
  • Ford Shelby GR-1 - anteprima 3
  • Ford Shelby GR-1 - anteprima 4
  • Ford Shelby GR-1 - anteprima 5
  • Ford Shelby GR-1 - anteprima 6

L’anno zero dell’automobilismo sportivo per i costruttori statunitensi risale al 1964. Prima di allora soltanto le Cunningham e Frazer-Nash avevano ottenuto risultati di prestigio a livello internazionale, vincendo la 12 Ore di Sebring nonostante la solidissima egemonia delle case inglesi, italiane e tedesche. La situazione cambiò nel 1964, quando esordì in gara la Shelby Daytona, che si aggiudicò quell’anno la vittoria di classe alla 24 Ore di Le Mans e conquistò numerosi altri successi fra il 1964 e il 1965, compreso il titolo di classe nel Campionato del Mondo Sportprototipi 1965. L’eredità della Daytona è stata raccolta nel 2004 da una proposta di stile in esemplare unico, la Ford Shelby GR-1, ispirata alla progenitrice ma aggiornata in termini di stile e meccanica: il suo motore ad esempio non è un V8 4.7 ma un V10 6.4.

Linee pulite che esprimono velocità

La GR-1 è un esercizio di stile per rendere omaggio a una delle più fortunate auto statunitensi da corsa, realizzata su base AC Cobra per gareggiare nella divisione 3 del Campionato del Mondo Sportprototipi, riservata alle vetture con motore da oltre 2 litri di cilindrata: nel 1965 la Daytona sconfisse più volte la Ferrari 250 GTO. Le sue forme sono rastremate e allungate come sull'antenata, per effetto del lungo cofano anteriore e del tetto a goccia. Tipica è anche la coda tronca e ribassata, dalle forme sinuose, che ospita non senza fatica gli enormi pneumatici posteriori su cerchi da 19 pollici. I fanali sono incastonati negli archi passaruota, le fiancate hanno un design molto pulito e le due appendici sul cofano motore trasmettono una sensazione di forza e velocità, al pari dei sottili specchi laterali o delle prese d’aria sulle fiancate.

Venduta nel 2011 per una cifra simbolica

L’interno appare essenziale e ben studiato come su tutte le auto da corsa. Nulla distrae il guidatore, che si trova all’interno di un ambiente poco vistoso ma dove tutto è al posto giusto: gli strumenti sono raccolti dietro il volante, la leva del cambio manuale è vicina al corpo e anche la plancetta dei comandi secondari (al centro del cruscotto) è ridotta ai minimi termini. A livello tecnico la GR-1 è basata sul prototipo Ford Shelby Cobra Concept, ispirato a un’altra grande vettura da corsa, la Shelby Cobra, che Shelby utilizzò come base di partenza per realizzare la Daytona. In luogo del V8 c’è lo stesso dieci cilindri in alluminio della Ford GT, capace di oltre 610 CV, a sufficienza per regalare alla coupé un tempo sullo 0-100 km/h di 3,9 secondi. La Ford Shelby GR-1 è stata venduta nel 2011 per 82.500 dollari, priva del motore, del cambio e degli interni.

Autore: Redazione

Tag: Prototipi e Concept , Ford , auto americane , car design , auto storiche , dall'estero , usa


Top