dalla Home

Videogame

pubblicato il 2 maggio 2017

Dossier Pit Game

Sniper Ghost Warrior 3, la recensione [VIDEO]

Il nuovo capitolo è il migliore della saga con una impostazione open world e dinamiche entusiasmanti

Sniper Ghost Warrior 3, la recensione [VIDEO]
Galleria fotografica - Sniper Ghost Warrior 3Galleria fotografica - Sniper Ghost Warrior 3
  • Sniper Ghost Warrior 3 - anteprima 1
  • Sniper Ghost Warrior 3 - anteprima 2
  • Sniper Ghost Warrior 3 - anteprima 3
  • Sniper Ghost Warrior 3 - anteprima 4
  • Sniper Ghost Warrior 3 - anteprima 5
  • Sniper Ghost Warrior 3 - anteprima 6

Con Sniper Ghost Warrior 3, CI Games ha proprio fatto centro, perdonate il gioco di parole. Non fraintendeteci, anche i primi due capitoli di Sniper Ghost Warrior ci erano piaciuti, ma questo ultimo episodio, il terzo della serie, fa un balzo in avanti rispetto a quanto abbiamo visto finora. Sarà la maggiore esperienza, saranno le risorse finanziare più ampie, ma Sniper Ghost Warrior 3 riesce a prendere tutto ciò che di buono la saga aveva introdotto e lo migliora ulteriormente, arricchendolo con l’introduzione di un’impostazione open world che riesce a dare più profondità al gioco con fasi dinamiche e altre più tattiche.

Osserva. Mira. Spara.

In Sniper Ghost Warrior 3 vestiremo i panni di Jon North, un soldato americano pluridecorato che si trova a dover compiere una missione in Georgia, stesso territorio dove sembra essere stato rintracciato il fratello scomparso qualche anno prima. Trama a parte, che comunque resta ben scritta e piuttosto ricca di sorprese, ciò che più coinvolge di Sniper Ghost Warrior 3 è l’ottimo gameplay. Seguendo le vicende del protagonista, ci troveremo infatti a giocare immersi in paesaggi vasti e molto diversi tra loro (si va dalle montagne alla tundra, dalle foreste a grandi strutture militari o industriali) con i quali interagire profondamente. Il primo approccio verso la location di turno e i personaggi che la popolano lo avremo attraverso un drone equipaggiato con visione termica, sistema di hacking informatico e di disturbatore che ci consentirà di marcare i nemici e di pianificare le nostre azioni. Per raggiungere gli obiettivi, poi, potremo sfruttare i nascondigli o tutti i sistemi informatici o elettronici (come generatori di corrente o sistemi di videosorveglianza), sempre nell’ottica di raggiungere il punto migliore in cui posizionarsi e, finalmente, premere il grilletto. Arrivati a questo punto, le impostazioni di difficoltà selezionate dal giocatore riescono a differenziare e caratterizzare profondamente il gameplay. In "Normale", per intenderci, la mira e la balistica sono relativamente semplificate: si va dal marcatore dei nemici sulla mappa agli indicatori di direzione del vento. Diverso, invece, se viene selezionato "Difficile": a questo punto tutti gli aiuti scompaiono e viene fuori il lato più realistico del gioco. Qualunque livello di difficoltà scegliate, comunque, non cambierà il fatto che per raggiungere gli obiettivi potrete scegliere approcci diversi e misti, prediligendo magari un comportamento da cecchino metodico o quello di uno stratega silenzioso, oppure ancora quello di uno sterminatore deciso e rumoroso. In base alle vostre azioni, il gioco vi assegnerà un profilo che potrà essere quello di Sniper (il primo caso), Ghost (la seconda opzione) o Warrior (l’ultimo approccio). Questo sistema di progressione arricchisce la profondità del gioco, consentendo di sbloccare equipaggiamenti e abilità specifiche per ogni profilo.

Un comparto tecnico di ottimo livello

Insomma, una dinamica di gioco ricca e sfaccettata ben supportata comunque da un ottimo comparto tecnico. Il motore fisico e grafico è il CryEngine, che non è una novità e che, proprio per questo, si conferma solido e affidabile. Le texture sono curate e di buon livello, così come anche il sistema di illuminazione. Solo a volte abbiamo notato qualche incertezza in alcune animazioni, mentre, essendo amanti delle auto, ci sarebbe piaciuto un controllo un po’ più realistico del fuoristrada che Jon North usa per i suoi spostamenti. Questo, comunque, non può di certo essere considerato un difetto, visto che il "core" di Sniper Ghost Warrior 3 non sono di certo le dinamiche di guida, quanto bensì quelle di cecchinaggio e di azione. Talmente ben realizzate, queste ultime, che Sniper Ghost Warrior 3 non solo è il migliore della saga, ma probabilmente è tra i migliori giochi del suo genere.

Sniper Ghost Warrior 3

Genere: Sparatutto tattico in prima persona, Stealth, Azione
Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, PC
Modalità di gioco: Giocatore singolo, Multigiocatore (dall'estate 2017)
Data di uscita: 25 aprile 2017
PEGI: 18
Publisher: CI Games
Distributore: Sony
Maggiori infosniperghostwarrior3.com

Sniper Ghost Warrior 3 | Trailer di lancio

Il trailer di lancio di Sniper Ghost Warrior 3, disponibile dal 25 aprile 2017 per PC, XBOX ONE e PS4.

Autore:

Tag: Videogame , videogiochi


Top