dalla Home

Interviste

pubblicato il 2 maggio 2017

Stefano Accorsi, dal cinema alle corse (vere) con la Peugeot 308 RC

Abbiamo intervistato in esclusiva l'attore bolognese durante la preparazione per correre nel Campionato TCR

Galleria fotografica - Peugeot 308 Racing Cup e Stefano AccorsiGalleria fotografica - Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi
  • Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi - anteprima 1
  • Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi - anteprima 2
  • Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi - anteprima 3
  • Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi - anteprima 4
  • Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi - anteprima 5
  • Peugeot 308 Racing Cup e Stefano Accorsi - anteprima 6

Metti un appassionato di motori all’interno di un film sulle competizioni e lo riscoprirai pilota. Anche se il suo lavoro è quello di attore, che pure dovrebbe averlo abituato alle immedesimazioni nei personaggi. E invece Stefano Accorsi non ha resistito al fascino delle gare in pista, scegliendo di partecipare al campionato italiano TCR dopo l’esperienza del fortunatissimo film "Veloce come il vento" (qui trovate tutto sulla Peugeot 205 protagonista), in cui l’attore bolognese interpreta un ex pilota tossicodipendente in cerca di riscatto per aiutare la sua famiglia. Accorsi correrà per la prima volta al volante di una Peugeot 308 Racing Cup, vettura da turismo con un motore da 308 CV e altre dotazioni per le gare di velocità (cambio da gara, freni maggiorati…). Accorsi ha effettuato i primi test sul circuito Tazio Nuvolari di Pavia, dove il nostro Andrea Farina lo ha intervistato in anteprima a pochi giorni dal via ufficiale della stagione, che partirà domenica 7 maggio dalla pista di Adria.

Alla scoperta di un nuovo stile di guida

Insieme all’attore c’era anche il pilota Massimo Arduini, vincitore quattro volte del campionato italiano turismo, che lo aveva già seguito nelle riprese del film e gli ha trasmesso segreti e malizie della guida in pista. Accorsi si è allenato per ottenere la licenza nazionale di tipo C e ha dovuto cambiare il proprio stile di guida, come ci ha raccontato, passando da abitudini votate alla conservazione dell’auto a un approccio molto più estremo e aggressivo. Nei primi test Accorsi ha accusato un ritardo di circa 2 secondi dal suo istruttore, risultato buono alla luce della poca esperienza.

Sette gare e quattordici manche

L’attore bolognese correrà insieme Arduini su invito di Peugeot Italia. I due si daranno il cambio nelle sette gare, previste sui circuiti di Adria, Misano, Monza (due volte), Mugello, Imola e Vallelunga. Ciascun appuntamento è suddiviso in gara 1 e gara 2, entrambe da 25 minuti più 1 giro, oltre a due turni di qualifica (lunghi 15 minuti l’uno) che decideranno l’ordine di partenza nelle due manche. Al TCR Italia 2017 parteciperanno anche vetture delle Abarth, Alfa Romeo, Honda e Seat, tutte derivate dalla serie con motori di potenza nell’ordine dei 300 CV.

Per restare aggiornati sulle competizioni seguite Motorsport.com.

Autore: Redazione

Tag: Interviste , Peugeot , VIP , piloti


Top