dalla Home

Curiosità

pubblicato il 28 aprile 2017

Peugeot, a Parigi il primo dei nuovi concessionari

Si trova nel 16° arrondissement e promette un'esperienza nuova: meno spazi e più qualità

Peugeot, a Parigi il primo dei nuovi concessionari
Galleria fotografica - Peugeot, nuova tipologia di concessionari a ParigiGalleria fotografica - Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi
  • Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi - anteprima 1
  • Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi - anteprima 2
  • Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi - anteprima 3
  • Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi - anteprima 4
  • Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi - anteprima 5
  • Peugeot, nuova tipologia di concessionari a Parigi - anteprima 6

Da qualche tempo Peugeot sta lavorando per migliorare la sua immagine e far aumentare il senso di qualità percepita. La strategia passa attraverso il lancio di nuovi modelli, come ad esempio le 3008 e 5008, ma anche in attività all’apparenza secondarie come l’allestimento dei concessionari. Per questo motivo la casa francese ha inaugurato a Parigi un punto vendita di nuova progettazione, basato sulle tecnologie digitali e quindi meno costoso da aprire e mantenere: si trova nel 16° arrondis-sement, al 39 di rue St Didier, a non molta distanza dalla Tour Eiffel e dall’Arco di Trionfo.

Per concessionari di questo genere verrà prestata una cura maggiore nei confronti degli arredi e dei materiali, che saranno legno, vetro e cemento. I nuovi punti vendita, stando a quanto annunciato da Peugeot, saranno realizzati nei centri città e avranno dimensioni più contenute rispetto a quelli tradizionali. complice il fatto che non dovranno essere presenti tutti i modelli in vendita: i clienti potranno configurare in maniera digitale l’auto desiderata (con la supervisione di un venditore) e vedere il risultato sopra un grande schermo, prima eventualmente di completare l’acquisto.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , Peugeot , auto europee , dall'estero , infrastrutture


Top