dalla Home

Curiosità

pubblicato il 13 febbraio 2008

Contro l'inquinamento dell'abitacolo arriva la tecnologia

Un sensore controlla il livello di CO2 in auto

Contro l'inquinamento dell'abitacolo arriva la tecnologia
Galleria fotografica - CCS Climate Control Sensor BoschGalleria fotografica - CCS Climate Control Sensor Bosch
  • CCS Climate Control Sensor Bosch - anteprima 1
  • CCS Climate Control Sensor Bosch - anteprima 2

Si parla molto spesso di inquinamento e di riduzione del livello di CO2 a proposito di gas di scarico, ma anche la qualità dell'aria che si respira nell'abitacolo merita attenzione. E' così che Costruttori come Bosch hanno investito in soluzioni che risolvano questo problema. Da qui è nato il CCS Climate Control Sensor, un sensore dalle dimensioni ridotte che è in grado di mantenere l'aria dell'abitacolo "pulita" e di ridurre i consumi di carburante, un'idea che è stata recentemente premiata con l'Angelo Giallo 2008 (dal tedesco 'Gelber Engel') assegnato dall'ADAC.

Il CCS Climate Control Sensor riesce ad agire tenendo costantemente sotto controllo il livello di anidride carbonica che c'è a bordo. Grazie agli infarossi infatti questo sensore misura i livelli di CO2 presenti nell'aria e "reagisce" subito ad ogni minima variazione controllando in maniera ottimale l'impianto di climatizzazione. Così il comfort climatico è sempre mantenuto e si risparmia in media mezzo litro di carburante per ogni 100 Km.

È già la seconda volta che Bosch riceve l'Angelo Giallo per la categoria "Innovazione" e quest'anno la giuria di esperti "ha riconosciuto l'importanza del CCS Climate Control Sensor per la tecnologia automobilistica" a dispetto di altre 44 nuove tecnologie presentate dai costruttori di auto e dai fornitori dell'industria automobilistica.

Il CCS Climate Control Sensor è "una delle tante tecnologie che abbiamo sviluppato per rendere l'auto sempre più ecocompatibile e anche più economica", ha detto il CEO Bosch Franz Fehrenbach. E mentre alcuni campioni del sensore CCS sono stati già forniti ai reparti di progettazione delle industrie automobilistiche, Bosch ha reso noto che continuerà ad investire gran parte degli incassi nel suo reparto di Ricerca e Sviluppo.

Nel corso del 2007 l'azienda ha speso 3,6 miliardi di euro soltanto in questo settore, ed ha ottenuto come risultato, oltre al sensore CCS, anche il nuovo sensore di pressione pneumatici Bosch SMD400. L'azienda produce questi dispositivi dal 1993 ed ogni anno ne fabbrica oltre 130 milioni di unità, mantenendo la leadership del mercato.

Autore:

Tag: Curiosità , inquinamento , statistiche


Top