dalla Home

Curiosità

pubblicato il 24 aprile 2017

Volkswagen Sedric, il taxi robot di domani

Uno sguardo ravvicinato sul futuro della guida autonoma ed elettrica senza volante

Volkswagen Sedric, il taxi robot di domani
Galleria fotografica - Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicinoGalleria fotografica - Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino
  • Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino - anteprima 1
  • Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino - anteprima 2
  • Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino - anteprima 3
  • Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino - anteprima 4
  • Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino - anteprima 5
  • Volkswagen Group Sedric, la concept vista da vicino - anteprima 6

Sono tempi di grandi cambiamenti all'interno della galassia Volkswagen e uno dei primi progetti di questo rinascimento si chiama Sedric. Non un nome vero proprio ma un acronimo: self-driving car, si tratta del primo veicolo del gruppo Volkswagen con un livello 5 di autonomia che significa non aver bisogno del guidatore, del volante e dei pedali. Sedric, che utilizza la piattaforma MEB dei nuovi modelli elettrici del gruppo tedesco, di fatto è un laboratorio di idee, trasversale a tutti i dodici marchi del gruppo. In futuro non la vedremo viaggiare per le strade, ma darà la luce a molti figli e ispirerà molti nipoti. "Molti elementi e funzioni di questo concetto di automobile li ritroveremo nei modelli futuri che le nostre marche stanno progettando. E soprattutto siamo convinti che i veicoli totalmente autonomi renderanno le nostre città più sicure e più vivibili", ha dichiarato Matthias Muller, CEO del colosso tedesco, durante la presentazione al Salone di Ginevra lo scorso marzo.

"Focalizzati sui desideri dei clienti"

Sedric, che in questi giorni debutta in oriente al salone dell'automobile di Shanghai è stato ideato, progettato, sviluppato e costruito presso il "Future Center" del gruppo Volkswagen di Potsdam in collaborazione con il Centro Ricerche di Wolfsburg. Non c'è il marchio VW sul frontale di Sedric perché questo è il primo concept del Gruppo Volkswagen, piuttosto che della marca Volkswagen. "Siamo sistematicamente focalizzati sui nostri clienti, sui loro desideri e sulle loro aspettative per la mobilità del futuro", afferma Michael Mauer", responsabile del design di tutto il Gruppo VW. "I centri di ricerca avanzata del Gruppo Volkswagen ci offrono l'opportunità di concettualizzare e sviluppare nuove idee sulla mobilità", aggiunge il designer.

Obiettivo leadership nella mobilità elettrica

Questo grande processo di cambiamento del primo gruppo automobilistico al mondo è stato lanciato nel giugno del 2016 con il programma "TOGETHER Strategy 2025". Una strategia che inaugura una nuova fase indirizzata verso la mobilità sostenibile a livello globale, concentrata maggiormente sui veicoli elettrici e sulla tecnologia autonoma di guida. Nuovi concetti di mobilità che punteranno su veicoli da utilizzare in modo intensivo per consumare di meno, occupare meno spazi e creati su misura per tutti: dai bambini agli adulti, dai pensionati a chi soffre di disabilità, da chi non ha la patente ai turisti. Gli obiettivi sono molto ambiziosi "il Gruppo VW vuole diventare leader di mercato nella mobilità elettrica (e-mobility) entro il 2018. E così lanceremo sul mercato 20 nuovi veicoli elettrici entro il 2020", spiega Ulrich Eichhorn, responsabile della divisione ricerca e sviluppo. Il colosso tedesco prevede di introdurre più di 30 veicoli elettrici nel corso dei prossimi dieci anni con l'obiettivo di arrivare a venderne dai 2 ai 3 milioni di pezzi entro il 2025.

Volkswagen Group Sedric Concept

Matthias Muller presenta Volkswagen Sedric Concept, elettrica a guida autonoma che è anche il primo prototipo del gruppo tedesco

Autore: Margherita Scursatone

Tag: Curiosità , Volkswagen , auto europee , car design , auto elettrica , guida autonoma


Top