dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 21 aprile 2017

Viaggi in auto, tre mete sull'Autostrada del Mediterraneo

Vi consigliamo un tris di itinerari affascinanti lungo la A2. Ecco come raggiungerli

Viaggi in auto, tre mete sull'Autostrada del Mediterraneo
Galleria fotografica - Castello aragonese di Reggio Calabria, Castelluccia di Battibaglia e Museo archeologico provinciale di SalernoGalleria fotografica - Castello aragonese di Reggio Calabria, Castelluccia di Battibaglia e Museo archeologico provinciale di Salerno
  • Castello aragonese di Reggio Calabria - anteprima 1
  • Castello aragonese di Reggio Calabria - anteprima 2
  • Castelluccia di Battibaglia  - anteprima 4
  • Castelluccia di Battibaglia - anteprima 5
  • Museo archeologico provinciale di Salerno - anteprima 6
  • Museo archeologico provinciale di Salerno - anteprima 7

Lo sapete tutti: l'autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria è diventata A2 Autostrada del Mediterraneo. Lungo il nostro splendido Stivale, rappresenta una naturale prosecuzione dell'itinerario Nord-Sud, che assieme alla A1 Autostrada del Sole unisce la Lombardia alla Calabria. Ma il fatto è che l'A2 attraversa territori e paesaggi magici dal punto di vista del paesaggio, della storia, del colore, ma anche dei profumi, del cibo e, perché no, della simpatia e del calore di chi abita in quelle zone. L'Autostrada del Mediterraneo offre enormi possibilità, però abbiamo voluto selezionarvi 3 itinerari che riteniamo particolarmente affascinanti, mettendoli in ordine di bellezza (ovviamente, è solo una nostra opinione).

#1. Castello Aragonese, Reggio Calabria

Dov'è? Affidandoci alla fantasia, vogliamo cominciare proprio dall'estremo Sud dell'A2: uscita svincolo Reggio Calabria. Dove il Sole scalda che è un piacere e il suono del mare è una melodia.

Perché raggiungerlo? Il Castello Aragonese, principale fortificazione della città, è uno dei simboli di Reggio Calabria. Le sue origini risalgono all'età calcidese; fu l'imperatore Giustiniano a creare, consolidando le antiche cinte murarie, un centro fortificato: si fa quindi risalire al 536 l'esistenza della prima struttura muraria del Castello. Dalla dominazione bizantina a quella normanna, il Castello fu ampliato da Federico II di Svevia. Dopo le guerre tra angioini ed aragonesi, fu fortificato dalla regina Giovanna I nel 1381. Saltando avanti di mezzo secolo, nel 1860 la Città di Reggio Calabria e il Castello vennero espugnati da Giuseppe Garibaldi. Il castello aragonese era divenuto infatti prigione politica e luogo di esecuzione dei ribelli. Nel 1897 fu dichiarato Monumento Nazionale. Oggi, profuma di storia: è un centro di aggregazione culturale comunale.

Come arrivarci? Dicevamo, svincolo Reggio Calabria: per la precisione, l'indirizzo è Via Castello, 4, 89127 Reggio Calabria, Italia.

#2. Castelluccia di Battibaglia

Dov'è? Schizziamo a Nord dell'A2, in quel di Salerno.

Perché raggiungerlo? Il Castello di Battipaglia, definito la Castelluccia, si erige su una posizione rialzata e domina la Piana del Sele. I primi documenti ufficiali risalgono al 1100, ma nel 1612, entrò a far parte del patrimonio della famiglia Doria di Genova. Nel 1638, il castello passò insieme ad altri possedimenti al nobile Giulio Pignatelli. Lo stemma visibile sul castello di Battipaglia fa riferimento proprio al matrimonio dell'ultima erede di questa famiglia con un nobile di Olevano. Numerosi restauri hanno completamente trasformato l'aspetto originario della struttura, anche se sono ancora ben visibili le mura originali del VII secolo e una torre risalente al XIII secolo. La vista è mozzafiato: si uniscono il verde intenso della "collina" con l'azzurro fortissimo del cielo, il tutto miscelato con le tinte tipiche del Castello.

Come arrivarci? Uscita Autostradale Svincolo Battipaglia: Via Roberto Il Guiscardo, 84091 Battipaglia (Salerno).

#3. Museo archeologico provinciale di Salerno

Dov'è? Siamo a 1,2 chilometri da Salerno: in auto, tramite via Polito, il Museo è raggiungibile in 6 minuti.

Perché raggiungerlo? Costituito nel 1927, con reperti dell'età preistorica e tardo antica, il Museo è stato riaperto grazie nel 2013 e comprende un articolato percorso espositivo. Nel giardino è collocato il lapidario ricco di reperti romani, rilievi, statue rinvenuti nel Seicento. Tra questi si evidenzia la statua acefala romana di "Venere col delfino", la copia realizzata in età romana di Afrodite Cnidia e la successiva copia romana della Grande opera Greca Ercolanense. Al pianterreno la prima sezione è dedicata alla preistoria: particolare valore è riportato dalle nestorides provenienti da Atena Lucana e Buccino e dai crateri di Nocera Superiore. Eccezionale la testa bronzea romana raffigurante il dio Apollo, datata orientativamente nel I secolo d.C.

Come raggiungerlo? Uscita Autostradale Svincolo Salerno. Indirizzo: Via San Benedetto, 28 - 84122 Salerno.

[Fonte: www.autostradadelmediterraneo.it]

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top