dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 19 aprile 2017

Dossier Assicurazioni

Auto in prestito, 3 cose da sapere sull'assicurazione

Come cavarsela con l'Rca se guidate una macchina non vostra

Auto in prestito, 3 cose da sapere sull'assicurazione

Della vostra auto sapete tutto, anche che cosa fare in caso di incidente, come nelle situazioni più semplici, ossia se venite tamponati. Le cose cambiano se un'altra persona vi presta la macchina e la guidate. Il proprietario può essere un coniuge, un parente, un amico: comunque vi ponete al volante di un oggetto che non vi appartiene. In basso, abbiamo analizzato 3 situazioni "calde" che possono verificarsi se avete in mano un veicolo altrui, focalizzando l'attenzione sulla polizza Rc auto obbligatoria per legge.

Tris vincente

#1. Controlli. Anzitutto, appena saliti a bordo, verificate il certificato assicurativo: se c'è e se non è scaduto. Un controllo che andrebbe comunque effettuato su qualsiasi auto non vostra e che dovete guidare, perfino su un veicolo preso a noleggio o in car sharing. Il tutto per evitare qualsiasi noia di tipo burocratico nel caso provochiate un incidente con quella vettura sprovvista di Rca obbligatoria. Già che ci siete, è opportuna anche un'occhiata alla revisione periodica obbligatoria.

#2. Incidente. Posto che la Rca è in regola, se causate un incidente, avvertite quanto prima sia il proprietario del mezzo sia l'assicuratore. Ammettete la colpa, firmando il Modulo blu della constatazione amichevole: sarà la compagnia di chi ha subìto i danni a risarcirlo. Al rinnovo annuale della Rca, il proprietario del veicolo che state guidando avrà un fortissimo rincaro tariffario. Siete tuttavia responsabili penalmente per sinistri gravissimi. Occhio però: se la Rca è esclusiva, solo il proprietario può guidare l'auto: questi doveva dirvelo. In questo caso, la compagnia si farà rimborsare dal titolare della polizza un ammontare pari allo sconto ottenuto con la guida esclusiva. Se invece avete subìto un sinistro, l'obiettivo è semplice: l'altro guidatore dovrà firmare la constatazione amichevole ammettendo le responsabilità. L'auto verrà riparata e la Rca non avrà conseguenze negative.

#3. Fermo e furto. Se vi ferma la Polizia, con la Rca in regola vi sarà sufficiente esibire il certificato cartaceo assicurativo. Oltre alla vostra patente. Gli agenti si collegheranno al database alimentato da assicurazioni e Motorizzazione e avranno una risposta positiva: siete in regola, potete andare. In caso di furto dell'auto, avvertite proprietario della macchina e assicurazione. Se avete le chiavi con voi, non avrete nessuna responsabilità: in caso di presenza di polizza contro il furto, il proprietario verrà indennizzato del valore della vettura, tolta la franchigia. Se invece non avete le chiavi con voi, possono essere guai: avendole lasciate in auto, la compagnia potrebbe non rimborsare.

Polizia di grande aiuto

Sempre, sia che guidiate la vostra auto sia vi mettiate al volante di una vettura altrui, in caso di incidente è utile il verbale di Polizia. L'agente accertatore compie i rilievi, verifica la posizione dei veicolo, il punto di impatto, le strisce di frenata. E poi verifica i danni e le violazioni palesi o oggettive (revisione, Rc auto, patente), elevando contravvenzioni. Il tutto diventa fondamentale ai fini dell'attribuzione delle responsabilità civili e penali del sinistro.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni


Top