dalla Home

Home » Argomenti » Patente

pubblicato il 11 febbraio 2008

"Tolleranza Zero" sulle strade francesi

Più autovelox e più controlli, la formula di Cecile Petit

"Tolleranza Zero" sulle strade francesi

Dall'ASAPS giunge un messaggio di stima, se così possiamo dire, rivolto ai buoni risultati ottenuti dalla Francia in fatto di sicurezza stradale. Cifre alla mano, sono 88.698 le patenti ritirate dal paese d'Oltralpe nel corso del 2007, il 29% in più rispetto al 2006: nello stesso tempo, quasi un milione e mezzo di patentati hanno ripianato la riserva di punti della loro licenza, il 25% in più dell'anno prima.

La politica inaugurata inizialmente con il Delegato Interministeriale, Remy Heitz, pare dunque raccogliere i suoi frutti e, allo stesso modo, anche l'attuale Delegato, Cecile Petit, l'appoggia integralmente. "Tolleranza Zero" , questo il motto della strategia e questo il punto su cui, i paesi con politiche meno efficaci di questa, dovrebbero riflettere.

"L'aumento del numero di punti ritirati - ha detto la Petit - coincide con l'aumento del numero di infrazioni rilevate dai radar: nel 2006 ne rilevammo 6milioni e 200mila, mentre lo scorso anno abbiamo chiuso superando i 7 milioni di avvisi di contravvenzione notificati, raggiungendo un aumento del 12,4%". Oggi, i radar automatici operativi in Francia sono in tutto 1.874, 1.143 dei quali fissi e 731 mobili. A chi ha contestato duramente l'adozione di un sistema di repressione "a remoto", i vertici dell'Osservatorio Interministeriale sulla Sicurezza Stradale hanno sempre risposto che, in questo modo, le forze di polizia avrebbero potuto concentrarsi sulla vigilanza stradale e su altri tipi di trasgressività: la guida in stato di ebbrezza, il rispetto delle ore di guida da parte dei trasportatori (in Italia raramente rispettato), il controllo tecnico dei veicoli.

Il risultato della battaglia di "madame Petit" è che oggi solo in rarissime occasioni gli agenti sono impiegati nei servizi di controllo della velocità con la contestazione immediata dell'illecito, potendo così dedicarsi al controlli etilometrici, a quelli relativi all'uso del telefonino o delle cinture di sicurezza, soprattutto quelle posteriori, considerate egualmente come trasgressioni.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , patente a punti , sicurezza stradale


Top