dalla Home

Attualità

pubblicato il 14 aprile 2017

Dossier Viaggiare d’inverno, speciale pneumatici invernali

Pneumatici invernali, finisce l'obbligo

Sabato 15 aprile termina il periodo delle ordinanze invernali per gomme da neve o catene a bordo

Pneumatici invernali, finisce l'obbligo
Galleria fotografica - I pneumatici invernaliGalleria fotografica - I pneumatici invernali
  • I pneumatici invernali 007 - anteprima 1
  • I pneumatici invernali 006 - anteprima 2
  • I pneumatici invernali 010 - anteprima 3
  • I pneumatici invernali 004 - anteprima 4
  • I pneumatici invernali 005 - anteprima 5
  • I pneumatici invernali 003 - anteprima 6

Sabato 15 aprile 2017 scade l'obbligo di circolare con pneumatici invernali o catene a bordo che era entrato in vigore il 15 novembre 2016. Questo è di solito il periodo scelto dagli enti e gestori stradali come comuni, province, regioni, Anas e autostrade, fatta eccezione per le zone con situazioni meteorologiche particolari, dove l'obbligo può scattare prima e scadere dopo. Per conoscerli tutti con esattezza basta cliccare qui. A imporre queste ordinanze è la Legge 120 del 2010, poi chiarita da varie circolari, fra cui una direttiva ministeriale del 16 gennaio 2013. Ma la normativa è complessa e articolata e la spieghiamo qui di seguito.

Tre regole da sapere

1. Codici velocità
Dal 15 novembre al 15 aprile, è consentito l'uso di pneumatici invernali anche con codici di velocità inferiori rispetto a quelli riportati in carta di circolazione, fino a Q (160 km/h). È una deroga rispetto alla regola generale: gli pneumatici devono avere caratteristiche prestazionali uguali o superiori a quelle indicate sul "libretto". E chi monta pneumatici di tipo M+S, con codice di velocità inferiore a quanto indicato sul "libretto", può viaggiare dal 15 ottobre al 15 maggio: c'è un mese, prima e dopo la vigenza delle ordinanze, per effettuare il rimontaggio degli pneumatici di tipo estivo.
2. Quale divieto
Dal 16 maggio 2017 al 14 ottobre 2017, non è consentita la circolazione con pneumatici di tipo M+S con codici di velocità inferiori a quelli riportati in carta di circolazione. Per chi sgarra, scatta la multa prevista dall'articolo 78 del Codice della Strada: 422 euro e ritiro del "libretto" per l'aggiornamento in Motorizzazione.
3. Nessun limite
Gli automobilisti che montano pneumatici marcati M+S con le stesse caratteristiche prestazionali riportate a "libretto" o addirittura superiori, hanno tutto il tempo di fare il cambio gomme in quanto non hanno limiti temporali d'impiego. Quindi, gli pneumatici invernali durante la stagione estiva possono essere usati, ma solo se hanno l'indice di velocità uguale o superiore a quello indicato nel "libretto".

Qualche dubbio

Con la sicurezza stradale non si scherza, specie in materia di pneumatici. Servirebbero poche norme chiare e invece per le gomme c'è un nugolo di cavilli complicatissimi che si accavallano, senza contare l'ondata di circolari ministeriali per far luce sulle regole. L'Asaps (Amici Polstrada) esprime le sue perplessità su norme estremamente severe per chi continua a circolare con gomme dai codici che permettono di viaggiare comunque a 160 km/h in un Paese dove il limite è di 130 km/h: "Ci hanno costretto a tenere montati pneumatici invernali fino al 15 aprile, quando da due mesi viaggiavamo a una temperatura media in Italia fra i 17 e i 20 gradi. Abbiamo consumato gomme invernali viaggiando con parametri di sicurezza inferiori perché c'era il sacro dogma della data di scadenza del 15 aprile, poi invece dobbiamo cambiarli dal 15 maggio pena sanzioni severe".

[Fonti: Asaps e PneusNews]

Autore: Redazione

Tag: Attualità , codice della strada , pneumatici , pneumatici invernali


Top