dalla Home

Attualità

pubblicato il 11 aprile 2017

Gomme sgonfie per 1 auto su 2. Al via i controlli "Vacanze Sicure"

Multe salate e decurtazione dei punti, verifiche della Polizia Stradale in sei regioni d'Italia

Gomme sgonfie per 1 auto su 2. Al via i controlli "Vacanze Sicure"
Galleria fotografica - Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze SicureGalleria fotografica - Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure
  • Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure - anteprima 1
  • Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure - anteprima 2
  • Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure - anteprima 3
  • Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure - anteprima 4
  • Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure - anteprima 5
  • Polizia Stradale e Assogomma, controlli Vacanze Sicure - anteprima 6

Pneumatici sgonfi, usurati, lisci e malconci. Non è l'incipit di un film horror: purtroppo si tratta della amara realtà con cui siamo costretti a fare i conti ogni volta che ci troviamo a guidare sulle strade italiane. Al di là del parco circolante tra i più vecchi d'Europa, infatti, nel nostro Paese si registra una certa reticenza da parte degli automobilisti ad effettuare una regolare manutenzione dell'auto. Una condizione che comporta seri rischi non solo per chi si trova al volante ma anche per gli altri utenti della strada.

Prevenzione e controllo

Come ogni anno, la Polizia Stradale - in partnership con Assogomma-Pneumatici sotto controllo - lancia la campagna Vacanze Sicure per effettuare controlli mirati a carico degli automobilisti sprovveduti ed indisciplinati che ancora non comprendono la pericolosità di guidare con pneumatici non conformi e non omologati. A lanciare l'allarme è il direttore di Assogomma, Fabio Bertolotti, che precisa: "Oltre il 52% degli automobilisti circola con gomme sottogonfiate: un problema di sicurezza in quanto la frenata si allunga e la sterzata è meno precisa, ma anche un danno per l'ambiente e per il portafoglio visto che i consumi di carburante aumentano fino al 15% e le gomme si usurano in maniera disomogenea e quindi vanno sostituite prima". Quest'anno la campagna di prevenzione e controllo - giunta alla sua quattordicesima edizione - sarà attiva dal 20 aprile al 5 giugno e prevederà circa diecimila controlli in sei regioni d'Italia: Emilia Romagna, Sicilia, Calabria, Trentino Alto Adige, Sardegna e Puglia.

La normativa e le sanzioni

Le infrazioni più comuni rilevate nel corso degli anni sono le gomme lisce, danneggiate, non rispondenti alla carta di circolazione o non omologate. L'articolo 175 del Codice della Strada prevede che è vietata la circolazione dei veicoli le cui condizioni di uso e gommatura possano costituire pericolo per la circolazione. La violazione comporta una sanzione amministrativa compresa tra i 41 e i 168 euro e la decurtazione di due punti dalla patente di guida. In alcuni casi, soprattutto se si tratta di guidare in autostrada o su una strada a scorrimento veloce, gli agenti possono ordinare anche di non proseguire la marcia: le violazioni a questa disposizione possono prevedere sanzioni da 85 a 340 euro e la decurtazione di tre punti. La stessa sanzione viene applicata ai veicoli sprovvisti di pneumatici invernali laddove richiesto.

Scarsa manutenzione e distrazione: le principali cause degli incidenti

"Purtroppo sono ancora troppi i conducenti che circolano con pneumatici lisci o danneggiati e che utilizzano pneumatici non omologati - ha precisato il direttore del Servizio Polizia Stradale, Giuseppe Bisogno - Per contrastare questa tendenza è necessario un impegno a 360 gradi: prevenzione, controlli, informazione, per promuovere un nuovo approccio culturale di legalità sulle strade. Nel 2015 abbiamo vissuto l'annus horribilis con ben 3.428 morti sulle strade mentre nel 2016 il dato è sceso del 5%. Ciò che pesa di più - ha proseguito Bisogno - oltre alla scarsa manutenzione è purtroppo l'eccessiva distrazione alla guida da parte dei conducenti. E questo richiama soprattutto al problema dell'uso dello smartphone al volante".

La sostituzione dei pneumatici invernali

Assogomma e Polizia Stradale hanno ricordato inoltre che dal 15 aprile gli automobilisti devono procedere alla sostituzione dei pneumatici invernali con quelli estivi non solo per rispettare le norme di legge ma anche per ottimizzare le prestazioni dei loro pneumatici e della vettura. Dal 16 maggio e sino al 14 ottobre, infine, non è più consentita la circolazione con pneumatici M+S con codici di velocità inferiori a quelli riportati in carta di circolazione.

Autore: Nuviana Arrichiello

Tag: Attualità , pneumatici , pneumatici invernali , sicurezza stradale


Top