dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 12 aprile 2017

Dossier Assicurazioni

Scatola nera in auto, vantaggi e svantaggi

La black box fa risparmiare ma ci sono altri aspetti da valutare

Scatola nera in auto, vantaggi e svantaggi

La scatola nera è sempre più protagonista delle polizze Rc auto: stando ai dati Ivass (Istituto di vigilanza sulle assicurazioni) resi noti pochi giorni fa, nel 2016 il trend di crescita della black box si è rafforzato e così le polizze telematiche rappresentano il 19% dei contratti stipulati nel quarto trimestre. A Caserta e Napoli oltre il 50% dei contratti prevede la scatola nera; a Catania, Reggio Calabria, Salerno, Foggia, Crotone, Barletta-Andria-Trani, Palermo, Siracusa, Catanzaro, Bari e Ragusa la black box è presente in oltre il 40% dei contratti. Insomma, nelle zone più "calde" in fatto di incidenti e truffe Rca, con le polizze che schizzano alle stelle anche per i guidatori virtuosi. Una soluzione che presenta indubbiamente vantaggi: sia per la compagnia (il dispositivo registra la dinamica dei sinistri e dovrebbe limitare le frodi) sia per l'assicurato. Questi però deve essere consapevole che ci sono pure altri aspetti da valutare.

Tre punti da ricordare

#1. Prezzo giù. Rispetto a una Rca normale, quella con scatola nera consente di pagare un prezzo più basso. Di quanto? Dipende dal tipo di guidatore, dalla classe di merito dell'automobilista, dalla zona in cui vive, dal numero di incidenti causati di recente. E comunque, ogni compagnia è libera di praticare i prezzi che vuole, in base a una propria politica interna. Oltre al ribasso tariffario, in genere questo dispositivo elettronico con assistenza satellitare GSM e GPS consente di contattare i soccorsi in caso di necessità o rintracciare l'auto in caso di furto, grazie alla geolocalizzazione, al vivavoce e al tasto di emergenza integrato. Per chiamare la centrale operativa, attiva 24 ore su 24, è sufficiente premere un bottone: si riceve, dice la compagnia, il supporto immediato di un operatore specializzato.

2# Su misura. Esiste poi la possibilità di personalizzare la Rca: più prudente siete, meno pagherete. È la scatola nera a registrare i percorsi dell'auto, e a capire se e quanto siete a rischio incidente: dipende dalla sinistrosità dell'area in cui circolate, dal tipo di guida, dagli orari degli spostamenti. Analogamente, attenzione: una guida considerata non virtuosa dai parametri della compagnia potrebbe anche far salire il prezzo Rca.

#3. Incidente. Senza scatola nera, se siete vittime di un incidente e l'altro guidatore ha commesso un'infrazione ammettendo la colpa, avrete il risarcimento al 100%. Con la black box, ipotizzando una vostra minima irregolarità al momento del sinistro (un lieve eccesso di velocità, in particolare), il rimborso a vostro favore potrebbe diminuire. È inoltre frequente la canalizzazione: l'assicurato con scatola nera viene indirizzato verso un carrozziere convenzionato (risarcimento in forma specifica). Ricordate che siete liberi di scegliere il vostro carrozziere indipendente e di fiducia. Qualche piccola perplessità infine sul fatto che la scatola nera venga vista come un apparato inattaccabile dai truffatori.

Al Senato è lotta

La scatola nera è destinata a far discutere ancora di più: al Senato, è in discussione il disegno legge concorrenza. Prevede che i guidatori virtuosi residenti al Sud, se hanno un'auto con scatola nera, paghino le stesse tariffe Rca dei conducenti abitanti al Nord. Gli automobilisti che negli ultimi 5 anni non hanno avuto incidenti e che hanno installato la scatola nera potranno accedere a un prezzo Rca più basso: ci sarà uno sconto per coloro che adesso pagano una Rca troppo alta in virtù del territorio in cui risiedono. Norme che avrebbero come conseguenza la nascita della Tariffa Italia, mal vista dalle compagnie: sarebbero in contrasto con il principio di libertà tariffaria sancito dalle normative europee, ed esporrebbero l'Italia a una sicura sanzione per violazione del diritto comunitario. E Rca meno care al Sud avrebbero come conseguenza Rca più salate al Nord.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , assicurazioni


Top