dalla Home

Novità

pubblicato il 10 aprile 2017

Dossier Salone di New York 2017

Jeep Grand Cherokee Trackhawk, il SUV dragster da 717 CV

Il motore V8 6.2, lo stesso delle Dodge Hellcat, è uno fra i più potenti oggi sul mercato

Jeep Grand Cherokee Trackhawk, il SUV dragster da 717 CV
Galleria fotografica - Jeep Grand Cherokee TrackhawkGalleria fotografica - Jeep Grand Cherokee Trackhawk
  • Jeep Grand Cherokee Trackhawk - anteprima 1
  • Jeep Grand Cherokee Trackhawk - anteprima 2
  • Jeep Grand Cherokee Trackhawk - anteprima 3
  • Jeep Grand Cherokee Trackhawk - anteprima 4
  • Jeep Grand Cherokee Trackhawk - anteprima 5
  • Jeep Grand Cherokee Trackhawk - anteprima 6

E’ un paradosso che il SUV più potente e veloce mai costruito appartenga alla Jeep, casa automobilistica specializzata per tradizione in fuoristrada duri-e-puri. Nel caso della Grand Cherokee Trackhawk le convinzioni però sono state messe da parte, complice la presenza del motore V8 sovralimentato delle Dodge Hellcat, che regala a una vettura da oltre 2,4 tonnellate prestazioni in linea con quelle di sportive più leggere e blasonate: Jeep dichiara un’accelerazione 0-96 km/h in 3,5 secondi, un tempo di 11,6 secondi sul quarto di miglio e una velocità massima di 290 km/h. Il nuovo modello esordisce al Salone di New York (14-23 aprile) e adotta una serie di novità a livello tecnico, studiate per migliorare la gestione dei cavalli o per tenerli sotto controllo: i freni anteriori da 40 cm sono i più grandi mai montati su una Jeep.

Cambio aggiornato e 5 schemi per la trazione integrale

La Jeep Grand Cherokee Trackhawk riprende il V8 6.2 delle Dodge Challenger Hellcat e Charger Hellcat. E’ sovralimentato attraverso un compressore volumetrico, che lo rende un motore con pochi eguali nell’attuale panorama automobilistico: la potenza è di 717 CV e la coppia si attesta a 874 Nm. Qualcuno potrebbe obiettare che la Tesla Model X P100D sviluppa quasi 800 CV e copre lo 0-100 km/h in 2,8 secondi, ma in realtà la Model X rientra nella categoria dei crossover e non "ruba" i primati della Trackhawk. I tecnici della Jeep hanno irrobustito una lunga serie di componenti interni del motore e aggiornato il cambio automatico ad otto marce TorqueFlite, che tiene in considerazione diversi parametri e seleziona la mappatura indicata per il frangente di guida. Il selettore del Select-Track consente poi di scegliere le modalità di guida Auto, Sport, Track, Tow e Snow per la trazione integrale.

Con il sistema multimediale ti senti un vero pilota

L’allestimento Trackhawk prevede inoltre ammortizzatori adattivi Bilstein, ruote da 20 pollici (optional quelle in alluminio forgiato) e l’impianto frenante Brembo, con dischi da 40 e 38 cm, che frenano l’auto da 100 km/h in meno di 35 metri. Nell’abitacolo si trovano il quadro strumenti con tachimetro da 320 km/h, dettagli in fibra di carbonio, loghi specifici per il modello e le schermate Performance Pages del sistema multimediale Uconnect, che restituiscono anche un pannello dinamometrico con i cavalli e la coppia erogati in quel momento. Alcuni dati si possono scaricare su una penna USB e visualizzare su un pc. All’esterno si trovano nuove appendici aerodinamiche, archi passaruota maggiorati e paraurti di fattura inedita, con prese d’aria per agevolare il raffreddamento di motori, freni e trasmissione.

Autore: Redazione

Tag: Novità , Jeep , auto americane , new york , nuovi motori


Top