dalla Home

Tuning

pubblicato il 7 febbraio 2008

PPI Audi R8

Più potente, più vistosa

PPI Audi R8
Galleria fotografica - PPI Audi R8Galleria fotografica - PPI Audi R8
  • PPI Audi R8 - anteprima 1
  • PPI Audi R8 - anteprima 2
  • PPI Audi R8 - anteprima 3
  • PPI Audi R8 - anteprima 4
  • PPI Audi R8 - anteprima 5
  • PPI Audi R8 - anteprima 6

Posto che un tuner tedesco riuscirebbe a maturare l'insano desiderio di truccare anche un vasetto di marmellata (da noi, recentemente, si è scoperto che il "tuning" colpisce soprattutto le mozzarelle di bufala, ma non è certo un particolare di cui andare fieri, dato che a rimetterci è la nostra salute), molte volte le strategie teutoniche di preparazione di automobili già molto sportive sembrano quasi avere il significato di un "suggerimento": è arrivato il momento, da parte del costruttore, di dimostrare che l'auto ha raggiunto il la sua maturazione ed è tempo di... passare ad altro.

Si prenda, ad esempio, una nuova preparazione all'indirizzo dell'Audi R8, elaborata da PPI. Volendo per un istante tralasciare la sconcertante preparazione estetica, opinabile sul piano dell'eleganza e della purezza stilistica, il preparatore tedesco mette sul piatto quella che pare proprio una smargiassata: un incremento di potenza di 40 Cv (non, quindi, un'elaborazione stile Koenig Specials o Lotec degli anni 80, quelli delle Ferrari Testarossa da 1.000 Cv) che, con un totale di 460 puledri, sono in grado di rendere l'Audi R8 più grintosa quel tanto che basta per elevarla, comunque, un gradino sopra la versione standard ufficiale: il tuner, infatti, dichiara un'accelerazione da 0 a 100 km/h in 4 secondi netti (contro 4"6) e una velocità massima di 309 km/h (contro 301 km/h).

Naturalmente, PPI, come si evince dalle immagini, non ha dato una rinfrescata solo al motore. Anche il design risente fortemente dell'influenza tutta tedesca della filosofia di un moderno preparatore. La PPI R8 sfoggia un aerokit con che consiste in: muso modificato con prese d'aria maggiorate e un nuovo spoiler inferiore per migliorare il raffreddamento dei freni e i flussi d'aria, minigonne laterali, vistoso spoiler posteriore con diffusore inferiore per tenere incollata la coda al suolo, cerchi da 19 parzialmente in fibra di carbonio e un abitacolo altamente personalizzato (naturalmente seguendo scrupolosamente quelli che possono essere i desideri del cliente) e ridondante di rivestimenti in fibra di carbonio.

Autore: Alvise-Marco Seno

Tag: Tuning , Audi


Top