dalla Home

Curiosità

pubblicato il 5 aprile 2017

Lego, una roulotte a grandezza naturale con oltre 215.000 mattoncini

E' stata costruita dalla Bright Bricks nell'ambito di una campagna pubblicitaria

Lego, una roulotte a grandezza naturale con oltre 215.000 mattoncini
Galleria fotografica - Lego, una roulotte a grandezza naturaleGalleria fotografica - Lego, una roulotte a grandezza naturale
  • Lego, una roulotte a grandezza naturale - anteprima 1
  • Lego, una roulotte a grandezza naturale - anteprima 2
  • Lego, una roulotte a grandezza naturale - anteprima 3
  • Lego, una roulotte a grandezza naturale - anteprima 4
  • Lego, una roulotte a grandezza naturale - anteprima 5
  • Lego, una roulotte a grandezza naturale - anteprima 6

Tre anni fa il quotidiano britannico The Telegraph domandava ai suoi lettori se Bright Bricks fosse il miglior posto di lavoro al mondo. La domanda in realtà aveva un chiaro sapore retorico, visto che l’azienda inglese è specializzata nella produzione di opere in grande scala con mattoncini Lego, compreso un albero di Natale alto 12 metri per la stazione londinese di St Pancras. Da pochi giorni la Bright Bricks si è guadagnata una menzione nel libro dei primati, dopo aver costruito la più grande roulotte con mattoncini Lego: è lunga 3,6 metri, alta 2,2 metri e pesa circa 1.200 chili. L’opera si trova esposta al National Motor Museum di Baeulieu (Francia) ed è stata commissionata nell’ambito di una campagna a favore delle vacanze in roulotte.

La Bright Bricks ha “dirottato” sull’opera 12 fra i suoi dipendenti, che hanno scelto di ispirarsi alla roulotte T@B 320. Per l’occasione hanno utilizzato il vero telaio della 320 e 215.158 mattoncini, impiegando 2 mesi e 1.000 ore di manodopera. Il risultato però giustifica l’impegno: la roulotte è pressoché identica a quella in vendita e funziona allo stesso modo, grazie alla possibilità di accendere o spegnere le luci di bordo, far scorrere l’acqua e trasformare le sedute in un letto. All’interno si trovano dettagli come uova, funghi, pomodori sul piano da cucina, un vaso sul tavolo principale e spazzolino e dentifricio nel bagno. I mattoncini utilizzati per l’opera sono tutti di catalogo: nessuno è stato realizzato per lo scopo.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , dalla rete


Top