dalla Home

Videogame

pubblicato il 3 aprile 2017

Dossier Pit Game

Sniper Elite 4, il cecchino Fairburne fa centro ancora una volta [VIDEO]

Missione: combattere i nazisti al fianco della Resistenza italiana. Tanta azione e tattica stealth, condite con le famose uccisioni "a raggi X"

Sniper Elite 4, il cecchino Fairburne fa centro ancora una volta [VIDEO]
Galleria fotografica - Sniper Elite 4Galleria fotografica - Sniper Elite 4
  • Sniper Elite 4 - anteprima 1
  • Sniper Elite 4 - anteprima 2
  • Sniper Elite 4 - anteprima 3
  • Sniper Elite 4 - anteprima 4
  • Sniper Elite 4 - anteprima 5
  • Sniper Elite 4 - anteprima 6

Era l’estate del 2014 quando portavamo a termine la missione speciale in Nord Africa del cecchino scelto Karl Fairburne. Ora, dopo quasi tre anni di attesa, finalmente torniamo a vestirne i panni e ad imbracciarne il fucile. Niente Africa però, questa volta lo scenario che fa da sfondo al nostro eroe è nientemeno che l’Italia del 1943. La Seconda Guerra Mondiale è in pieno svolgimento e il cecchino Fairburne viene spedito nel Bel Paese, in una località di fantasia del Meridione, per una missione segreta: sabotare una nuova arma nazista che potrebbe decidere le sorti del conflitto bellico.

Strategia o azione frenetica, scegli tu

Innanzitutto, una nota di carattere patriottico. Sapere che il gioco è ambientato in Italia lo rende ancora più interessante e, nel vedere le ambientazioni e le caratterizzazioni, non si può che apprezzare la cura per i dettagli che i ragazzi di Rebellion hanno dedicato a Sniper Elite 4. Detto questo, il nuovo capitolo della saga non perde niente di tutto il buono che abbiamo imparato a conoscere negli episodi precedenti, a cominciare dalla libertà di scegliere tra un approccio più tattico, da vero e proprio stealth, o viceversa uno più impetuoso per portare a termine le missioni. Queste, come in passato, si suddividono in primarie e secondarie, e portarle a termine seguendo gli obiettivi farà sì che guadagneremo dei punti da "spendere" in nuove armi - non solo fucili - e trappole più o meno letali. Fairburne si muove in scenari ricchi di oggetti con i quali interagire e che può sfruttare per distrarre o eliminare i soldati nazisti disseminati qua e là e intenti nei loro giri di pattugliamento. L’inventiva, insomma, è quello che rende questo Sniper Elite 4 veramente divertente e appagante, insieme ad un elemento - immancabile - che ha reso famosa questa saga videoludica: la kill cam con i raggi X. Ok, a qualcuno può sembrare un po’ macabro, ma onestamente vedere i danni che il nostro proiettile procura al corpo del malcapitato di turno dà molta soddisfazione, in particolar modo se, prima di aver premuto il grilletto, c’è stata una lunga fase di pianificazione delle mosse e di paziente appostamento. Non scordiamo che, infatti, per chi predilige l’approccio tattico è fondamentale prendersi del tempo per esplorare la mappa, scegliere una postazione strategica, osservare con il binocolo e marcare i nemici. Nemici che, in questo Sniper Elite 4, sono piacevolmente letali e in grado di darci parecchio filo da torcere.

Ci vuole calma e sangue freddo

Adrenalina pura, questo in sintesi è il gameplay. Che scegliate di farvi strada tra i nazisti in stile Rambo o preferiate un approccio alla Hitman, infatti, il succo non cambia: la dose di divertimento è sempre molto alta. Gli scenari, poi, con tutti i loro dettagli, sono veramente ampi, perciò non c’è mai una sequenza che sia uguale alle altre. Solo le missioni secondarie, a volte, tendono a ripetersi, ma del resto cosa deve fare un cecchino scelto se non uccidere un bersaglio o distruggere un obiettivo?! Il colpo d’occhio, poi, è a dir poco spettacolare: la grafica è bella e curata, così come il level design (si possono esplorare anche gli interni degli edifici o raggiungere posizioni elevate). Buona anche la gestione delle fasi pre-shooting, in cui dovremo trattenere il respiro per evitare movimenti e tenere conto della deviazione che il vento potrebbe apportare alla traiettoria del nostro proiettile. Anche perché sbagliare bersaglio non conviene: l’intelligenza artificiale dei nostri nemici è piuttosto sviluppata e riusciranno facilmente a metterci alle strette qualora la nostra pianificazione non vada come previsto. Un gioco, insomma, in grado di tenerci incollati allo schermo per oltre 10 ore (anche di più, se amate il gioco "pulito" come noi) con una dose alta di tensione, strategia stealth e azione mozzafiato.

Sniper Elite 4

Genere: Sparatutto tattico in terza persona, Stealth, Azione
Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, PC
Modalità di gioco: Giocatore singolo, Multigiocatore
Data di uscita: 14 febbraio 2017
PEGI: 16
Publisher: Rebellion Developments
Distributore: Koch Media
Maggiori info: sniperelite4.com/it

Sniper Elite 4 - "Timing is Everything" Launch Trailer

Il nuovo Sniper Elite 4 ci porta direttamente nell'Italia del 1943, dilaniata dalla Seconda Guerra Mondiale e dalla guerra civile. Karl Fairburne, il cecchino più letale dei videogiochi, deve vedersela con i nazisti e una loro arma misteriosa e letale.

Autore:

Tag: Videogame , videogiochi


Top