dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 31 marzo 2017

Viaggiare in auto in Italia, tre posti belli ma poco conosciuti

A caccia di luoghi splendidi al nord, al centro e al sud dello Stivale

Viaggiare in auto in Italia, tre posti belli ma poco conosciuti
Galleria fotografica - Bussana Vecchia, Parco dei Mostri di Bomarzo e Vallone dei MuliniGalleria fotografica - Bussana Vecchia, Parco dei Mostri di Bomarzo e Vallone dei Mulini
  • Bussana Vecchia - anteprima 1
  • Bussana Vecchia - anteprima 2
  • Bussana Vecchia - anteprima 3
  • Bussana Vecchia - anteprima 4
  • Parco dei Mostri di Bomarzo - anteprima 5
  • Parco dei Mostri di Bomarzo - anteprima 6

Se già viaggiate tanto e siete turisti esperti e curiosi, allora di sicuro già conoscete i tre posti che andiamo a descrivervi: sono da raggiungere (anche) in auto. Se invece andate a caccia di qualcosa di magico da visitare, la vostra vettura (di proprietà, ma anche presa a noleggio per un weekend o un periodo più lungo) potrà essere una compagna di viaggio perfetta. Si tratta inoltre di un viaggio con la macchina che potete programmare da tempo con il partner o gli amici, oppure di una specie di sorpresa dell’ultima ora da fare a qualche passeggero che gradite avere accanto a voi. Ecco allora qualche dritta magari poco conosciuta: se non a voi, al vostro compagno di avventura.

#1. Nord. Bussana Vecchia (Liguria)

➤ Dov’è? È una frazione collinare di Sanremo.

➤ Perché raggiungerlo? Il sito web del Comune la descrive come un villaggio artistico sorto sulle rovine di un borgo medioevale abbandonato: spicca su una sinuosa collina alle spalle di Sanremo dando un’immagine suggestiva e irreale. Si tenga presente che, nel 1887, un terremoto colpì l’entroterra sanremese danneggiando gravemente Bussana Vecchia. Il paese venne abbandonato: il borgo da allora non fu più abitato, sino all’insediamento della comunità di artisti, iniziato a partire dagli anni Sessanta. Un luogo magico, un laboratorio d’arte, con botteghe e atelier che sorgono nelle belle costruzioni in pietra.

➤ Come arrivarci? Uno: Bussana Vecchia è raggiungibile uscendo dall'Autostrada A10 “dei Fiori” al casello autostradale di Sanremo Est/Arma di Taggia: percorrete l’Aurelia bis fino all’uscita della Valle Armea. Seguite le indicazioni per Bussana/Bussana Vecchia.
Due: dalla via Aurelia, all’altezza della Valle Armea, seguite le indicazioni per Bussana e quindi Bussana Vecchia.
Attenzione: il paese è percorribile solo a piedi. Dovete parcheggiare fuori dal paese, lungo la strada.

#2. Centro. Parco dei Mostri di Bomarzo (Lazio) 

➤ Dov’è? Siamo a 20 km da Viterbo, a 105 km da Roma e 114 da Perugia. 

➤ Perché raggiungerlo? Qui i miti, la mitologia e i personaggi della letteratura (in poche parole, i mostri) si tramutano in creature reali fatte di pietra e ricoperte di muschio. Fu ideato dall’architetto Pirro Ligorio, uno dei più grandi architetti della seconda metà del 1500 italiano: per il cardinale Ippolito II d’Este, realizzò Villa d'Este a Tivoli. Su commissione del principe Pier Francesco Orsini, realizzò il Parco dei Mostri di Bomarzo. È anche denominato anche Sacro Bosco o Villa delle Meraviglie. Strepitose le architetture impossibili, tipo la casa inclinata. Affascinanti le statue enigmatiche, soggette a più interpretazioni.

➤ Come arrivarci? Da Viterbo:  percorrendo la superstrada Viterbo-Orte uscita Bomarzo.
Autostrada A1: uscita Attigliano, direzione Bomarzo.

#3. Sud. Vallone dei Mulini (Campania)

➤ Dov’è? In quel di Sorrento (Campania), nella sublime valle della costiera sorrentina.

➤ Perché raggiungerlo? Questa è speciale, ma ne vale la pena. Delle precedenti vie per raggiungere il Vallone dei Mulini, oggi rimane solo un cancelletto visibile dalla strada che collega Piazza Sant’Antonio con il porto e un piccolo ponte. Impossibile oltrepassare il cancelletto che consentirebbe l’accesso al fondo della valle: la zona del Vallone dei Mulini è proprietà privata, non è aperta ai visitatori. Si chiama così perché c’è un mulino utilizzato per la macinazione del grano. Si è originata 35.000 anni fa da un’eruzione tremenda dei Campi Flegrei che ricoprì di detriti la zona da Punta Scutolo a Capo di Sorrento. Le acque sorgive (si incontrano poco prima dell'inizio della valle) scavarono una gola, per trovare uno sbocco verso il mare. La natura si è fatta spazio, in modo spettacoloso. Venne chiuso a causa della costruzione di Piazza Tasso che isolò completamente gli accessi al sito. La quasi totale chiusura di quest'area rese il clima talmente umido da facilitare la crescita di piante uniche.

➤ Come arrivarci? Facile, basta raggiungere Sorrento.
Da Nord: tramite l’autostrada A1 Milano-Napoli, proseguendo sulla A2 Napoli-Salerno fino all’uscita Castellammare di Stabia.
Da Est: tramite l’autostrada A16 Bari-Napoli, inboccando la A2 Napoli–Salerno e proseguendo fino all’uscita Castellammare di Stabia.
Da Sud: tramite l’autostrada A2 Reggio Calabria–Salerno in direzione Napoli fino all’uscita Castellammare di Stabia.
In ogni caso, imboccata l’uscita per Castellammare di Stabia SS 145, proseguire lungo la strada statale panoramica per 23 km.

Fonte foto:
www.zingarate.com

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , viaggiare


Top