dalla Home

Videogame

pubblicato il 27 marzo 2017

Dossier Pit Game

Mass Effect: Andromeda, la galassia non è mai stata così viva [VIDEO]

L'ultimo capitolo della saga ci ha incantato con paesaggi fantastici e una trama degna di un blockbuster

Mass Effect: Andromeda, la galassia non è mai stata così viva [VIDEO]
Galleria fotografica - Mass Effect: AndromedaGalleria fotografica - Mass Effect: Andromeda
  • Mass Effect: Andromeda - anteprima 1
  • Mass Effect: Andromeda - anteprima 2
  • Mass Effect: Andromeda - anteprima 3
  • Mass Effect: Andromeda - anteprima 4
  • Mass Effect: Andromeda - anteprima 5
  • Mass Effect: Andromeda - anteprima 6

Lo ammettiamo, quando abbiamo saputo che la saga di Mass Effect sarebbe andata avanti dopo la trilogia originale, è sopraggiunto un mix tra gioia e timore. Gioia, ovviamente, di poter tornare ancora una volta a vagare per quella Galassia ricca di dettagli e di vita che abbiamo conosciuto nei primi tre capitoli e in cui abbiamo trascorso tante ore di sano divertimento. Timore, invece, di rimanere delusi da possibili stravolgimenti, da nuovi personaggi, magari meno profondi, e da una trama che non fosse all'altezza. Bene, dopo aver provato Mass Effect: Andromeda per diversi giorni possiamo garantirvi che la gioia è più viva che mai e che del timore, invece, non è rimasto più niente.

Alla ricerca di una nuova casa

A cinque anni di distanza da Mass Effect 3, BioWare ci riporta nel futuro, per essere precisi al 2819 d.C., con la missione di trovare una nuova casa per l'umanità nella galassia di Andromeda. Tra i milioni di pianeti, infatti, quelli del settore di Heleus sembrano avere un'atmosfera e un ecosistema compatibili con la vita umana. Il problema è che gli uomini non sono gli unici ad aver "messo gli occhi" su questi pianeti: il Flagello, una misteriosa forza aliena, sembra intaccarne la vivibilità, mentre la razza aliena dei Keet è anch'essa interessata alla colonizzazione. All'equipaggio dell'astronave Hyperion, risvegliato dopo il sonno criogenico, non resta che mettersi nelle mani del Pioniere Alec Ryder e dei suoi figli. Noi impersoneremo proprio uno di questi, Scott o Sarah, nell'avventura che si snoda su diverse sessioni di gioco. Ci sono le missioni principali, quelle inerenti la trama vera e propria (a parer nostro la più intrecciata e profonda di tutta la saga), e ce ne sono tantissime di secondarie, alcune legate al main plot, altre totalmente svincolate; ci sono poi i momenti di combattimento, concitati e variegati, e quelli di esplorazione delle superfici planetarie a bordo del Nomad, intermezzate da quelle di crafting e personalizzazione tipici di un RPG. Insomma, un gioco complesso e ricco di cose da fare proprio così come lo desideravamo, che definire appunto solamente "RPG" è decisamente riduttivo.

Esplorazione, sparatorie e crafting: ce n'è per tutti i gusti

Uno degli aspetti migliori di questo Mass Effect: Andromeda è la gestione dei combattimenti. La visuale in terza persona, la profondità degli scenari e la ricchezza dell'ambiente sono le cose che più rendono gli scontri a fuoco godibili e sempre diversi, complici l'elevata intelligenza artificiale dei nemici e la possibilità di usare uno strumento prezioso come il jetpack. Le battaglie, in altre parole, si rivelano appaganti e variegate, grazie anche all'ampia scelta di armi utilizzabili e modificabili tramite crafting. Per fortuna di momenti così ce ne sono davvero tanti, specialmente quando con il Nomad si decide di esplorare un pianeta sconosciuto in cerca di risorse naturali o razze autoctone con le quali interagire. Nell'esplorazione del vastissimo scenario open world l'agguato da parte di qualche nemico è sempre dietro l'angolo. Tipica da RPG, invece, la gestione dei personaggi, a cominciare dai quattro archetipi caratteriali (Emotivo, Logico, Disinvolto, Professionale) che contraddistinguono le opzioni di dialogo rendendole più profonde rispetto alla dicotomia Eroe - Rinnegato al quale ci avevano abituato gli altri Mass Effect. Anche il rapporto tra scelte e conseguente sembra come attenuato, meno forzato e quindi molto più realistico rispetto a prima. La gestione di crescita del personaggio è altrettanto curata: nella fase di inizio bisogna scegliere la classe di appartenenza, ma i parametri sono modificabili anche nel corso dell'avventura, quando si sbloccheranno potenziamenti e nuove abilità.

Effetti visivi degni di Hollywood

Dal punto di vista grafico e visivo, difficile muovere qualche critica a Mass Effect: Andromeda. I pianeti e le ambientazioni sono a dir poco fantastici, in grado veramente di incantare per ore e ore. Si passa dagli scenari ghiacciati a quelli densi di vegetazione, da quelli sterili e desertici a quelli più tecnologici. Le texture, così come i modelli poligonali e le risposte del motore fisico, sono molto ben realizzate, anche se a volte si notano delle animazioni macchinose sui volti dei protagonisti. Questo comunque non intacca minimamente la giocabilità. Un aspetto da molti criticato è stato il mancato doppiaggio in lingua italiana (ci sono i sottotitoli). In realtà, dal nostro punto di vista, non rappresenta assolutamente un difetto, anzi per certi versi questo preserva ancora di più l'impronta realistica che gli sviluppatori hanno voluto dare al gioco, rispettandone la profondità della trama. Niente da dire sulla colonna sonora, un mix tra musica classica ed elettronica perfetta per quest'opera epica sci-fi. Infine, per chi ama giocare in multiplayer, non manca la modalità cooperativa online che, oltre alla corposità della campagna in singolo, aggiunge ancora tante ore di sparatorie frenetiche e divertenti.

Mass Effect: Andromeda

Genere: RPG, Azione, Sparatutto in terza persona
Piattaforme: PlayStation 4, Xbox One, PC
Modalità di gioco: Giocatore singolo, Multigiocatore
Data di uscita: 23 marzo 2017
PEGI: 18
Publisher: Electronic Arts
Distributore: Electronic Arts
Maggiori info: www.masseffect.com/it

MASS EFFECT: ANDROMEDA – Trailer Ufficiale

Mass Effect: Andromeda porta i giocatori alla scoperta dei segreti di una galassia sconfinata, ad affrontare minacce aliene, formare un equipaggio e lottare per la sopravvivenza della specie umana.

Autore: Redazione

Tag: Videogame , videogiochi


Top