dalla Home

Mercato

pubblicato il 21 marzo 2017

BMW, ecco le ibride e le elettriche in arrivo

Prima la Serie 5 iPerformance e la MINI Countryman ibrida. Poi la i8 Roadster e le elettriche MINI e X3

BMW, ecco le ibride e le elettriche in arrivo
Galleria fotografica - La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMWGalleria fotografica - La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW
  • La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW - anteprima 1
  • La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW - anteprima 2
  • La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW - anteprima 3
  • La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW - anteprima 4
  • La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW - anteprima 5
  • La gamma elettrica e ibrida del Gruppo BMW - anteprima 6

Il Gruppo BMW continua a crescere. Se si guarda al bilancio degli ultimi cinque anni i numeri di vendita sono tutti in aumento. Nel 2016 ogni marchio è andato bene e anche le moto hanno incrementato i volumi. In Europa, poi, le vendite sono state da record in quanto, per il secondo anno consecutivo, si è superato il milione di consegne. E per i prossimi anni il costruttore di Monaco vuole fare di più. Entro il 2018 lancerà 40 novità o restyling e per quest’anno Harald Krueger, CEO del Gruppo BMW, prevede un nuovo record di vendite e un leggero incremento dei profitti, in particolare puntando sull’elettrico e sull’ibrido. “Lavoriamo con particolare impegno nella parte superiore del segmento premium, in cui BMW Group guarda ad un significativo incremento delle vendite entro il 2020, questo grazie ad alcuni nuovi modelli tra cui la X7 che completerà la Serie 7”, ha detto. Il 2021, invece, sarà (come per molti altri costruttori) l’anno della vendita delle prime auto a guida autonoma. Ed ecco di seguito i dettagli, ovvero i modelli più venduti, quelli che arriveranno e il Bilancio completo del 2016.

Gruppo BMW, cos’ha venduto di più

In totale l’anno scorso il Gruppo tedesco ha consegnato 2.367.603 unità ovvero il 5,3% in più del 2015 (le moto sono state 145.032, +5,9%). Tutti i marchi sono andati bene. Ovviamente in termini di volume sono le BMW quelle più richieste (2.003.359, +5,2%), seguite dalle MINI (360.233, +6,4%), ma è Rolls-Royce che con 4.011 consegne (+6%) ha registrato il secondo miglior anno nella sua storia più che centenaria. In particolare a trainare le vendite sono state le BMW a trazione integrale, seguite dalla Serie 2 e dalla nuova Serie 7.

Le ibride e le elettriche in arrivo

L’obiettivo di quest’anno è vendere 100mila auto elettriche e ibride. Si tratta di un target molto ambizioso visto che dal lancio della BMW i3, nel 2013, fino all’anno scorso le BMWi e le ibride consegnate sono state più di 100mila. A Monaco però pensano sia possibile perché nel frattempo la gamma a basse emissioni è stata allargata e quest’anno ci sono sette modelli tra cui scegliere (proprio questo mese arriva la BMW Serie 5 iPerformance, quella ibrida plug-in) e entro dicembre nella gamma MINI entra la Countryman ibrida. Nel 2018 debutterà la BMWi8 Roadster e un anno dopo arriverà una MINI completamente elettrica e una BMW X3 a zero emissioni. “Stiamo creando piattaforme condivise per elettrificare la gamma dei vari brand”, spiega il costruttore.

Il 2021 è l’anno della guida autonoma anche per BMW

Come molti altri costruttori anche il Gruppo BMW ha indicato il 2021 come l’anno della commercializzazione della guida autonoma. Per quella data arriveranno BMW con autonomia di terzo livello (il guidatore può distogliere lo sguardo dalla strada, ma deve restare vigile), di quarto livello (il guidatore può concedersi qualche distrazione) e di quinto livello (la guida autonoma al 100%, qui vi spieghiamo a che punto siamo oggi). Di recente, lo ricordiamo, il Gruppo tedesco ha annunciato la collaborazione con Intel e Mobileye per lo sviluppo di questa tecnologia e alcuni prototipi di Serie 5 sono già in fase di test sulle strade aperte al traffico negli Stati Uniti. Si tenga sempre presente che per far circolare questo tipo di vetture servono leggi specifiche, quindi anche quando saranno messe in vendita si comincerà dai mercati che hanno le normative adatte.

I risultati finanziari

Sul 2016 di BMW solo qualche numero, per completezza. La consegna di circa 2,4 milioni di vetture ha generato in un anno un fatturato di oltre 94 miliardi di euro, con una media per autoveicolo di 39.000 euro. L’utile prima degli oneri finanziari (EBIT) è leggermente sceso (da 9,5 a 9,3 miliardi di euro), mentre la disponibilità di cassa è salita a 13,1 miliardi. Di seguito il report con il Bilancio originale.

Autore:

Tag: Mercato , Bmw , auto elettrica , auto ibride


Top