dalla Home

Curiosità

pubblicato il 21 marzo 2017

Honda aumenta il numero dei concessionari in Italia

La casa giapponese con Leonori ha portato a tre i concessionari a Roma in occasione del lancio della nuova Civic

Honda aumenta il numero dei concessionari in Italia
Galleria fotografica - Honda, ora le concessionarie a Roma diventano treGalleria fotografica - Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre
  • Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre - anteprima 1
  • Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre - anteprima 2
  • Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre - anteprima 3
  • Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre - anteprima 4
  • Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre - anteprima 5
  • Honda, ora le concessionarie a Roma diventano tre - anteprima 6

Dopo il prodotto, ci vuole la rete di vendita e la Honda, dopo aver rinnovato tutta la propria gamma nel corso dei due anni precedenti e raddoppiato le vendite nel 2016 in Italia, vuole guadagnare ulteriore terreno con una maggiore presenza sul territorio, a partire dalle aree strategiche come i grandi centri urbani. E in occasione del lancio della nuova Civic 5 porte, avvenuto nel fine settimana appena trascorso, ha aperto i battenti il nuovo concessionario Leonori, il terzo su Roma, chiamato a coprire il quadrante Sud-Ovest nella Capitale.

Crescita e presenza

Honda porta così a 60 i concessionari in Italia dopo un periodo di profonda revisione, un numero destinato a rimanere sostanzialmente invariato nei prossimi due anni, quando saranno verificati i risultati commerciali sul campo. "La nostra gamma sta funzionando bene – ha detto il direttore Vendite di Honda Motor Europe Italia, Simone Mattogno – e ora avremo il modo di riconquistare la nostra clientela. Vogliamo crescere nel 2017 di un altro 15-20% anche grazie al completamento della gamma Civic che sarà rafforzata nei prossimi mesi con il lancio della 4 porte e della Type R da 320 CV. Il diesel invece arriverà l’anno prossimo". In termini pratici vuol dire passare da 9.588 a circa 11mila unità.

Dal 2018 torna l’ibrido

Ma c’è anche un altro ambito nel quale Honda è stata antesignana per poi abbandonarlo, almeno in Europa. È quello delle alimentazioni alternative, particolarmente importante per le grandi aree urbane dove sono massimi i benefici sia per l’ambiente sia quelli pratici per l’utente. "Il nostro presidente europeo – ha contintuato Mattogno – al Salone di Ginevra ha annunciato la nuova strategia di elettrificazione per i prossimi anni, che riguarderà due terzi delle vendite entro il 2025. Avremo di nuovo l’ibrido insieme all’elettrico, mentre per l’idrogeno siamo pronti con la Clarity, ma attendiamo l’infrastruttura. Ad ogni modo cominceremo il prossimo anno, con un modello ibrido. Per l’elettrico prevediamo uno sviluppo più lento".

Autore: Nicola Desiderio

Tag: Curiosità , Honda , auto giapponesi


Top