dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 marzo 2017

Alcantara investe in Italia e punta al raddoppio della produzione

Dai sedili della Lancia Thema alla globalizzazione del "non tessuto" made in Italy più famoso del mondo

Alcantara investe in Italia e punta al raddoppio della produzione
Galleria fotografica - AlcantaraGalleria fotografica - Alcantara
  • Alcantara - anteprima 1
  • Alcantara - anteprima 2
  • Alcantara - anteprima 3
  • Alcantara - anteprima 4
  • Alcantara - anteprima 5
  • Alcantara - anteprima 6

Chi segue il mondo dell’auto quando legge Alcantara pensa agli interni delle Lancia degli anni d'oro (leggi Lancia Thema o Lancia Delta) oppure ai rivestimenti di sedili, volanti e altri elementi di pregio delle auto più sportive di oggi come Aston Martin, Lamborghini, Maserati, Porsche. Ma questo marchio, quest’azienda italiana e soprattutto questo materiale inventato nel 1972 e da sempre prodotto Italia, oggi rappresenta molto di più grazie a un campo di applicazione che spazia dall’alta moda, all’arredamento passando per l’arte e l’elettronica di consumo. La notizia di oggi è che Alcantara diventerà ancora più grande, forte dell'investimento di 300 milioni di euro in 5 anni per ampliare la produzione dello stabilimento umbro di Nera Montoro (TR), e che porterà un aumento dell’occupazione da 598 a circa 800 persone.

100% Made in Italy

L’operazione, finanziata dalle banche e garantita dal gruppo giapponese Toray che controlla Alcantara S.p.a., rientra in una strategia di espansione senza precedenti che distribuisce il sofisticato “non tessuto” - Alcantara è un materiale composto al 68% di poliestere e al 32% di poliuretano - in tutto il mondo e che ha come obiettivo un aumento del giro d’affari da 185 milioni di euro del 2016 ad oltre 300 milioni di euro. La parte del leone la faranno sempre le applicazioni automobilistiche che ad oggi rappresentano tre quarti del fatturato, ma è prevista una crescita delle altre linee di applicazione. L'ulteriore buona notizia per un settore industriale sempre più delocalizzato è che l’Alcantara in tutte le sue forme, colori e personalizzazioni continuerà a nascere esclusivamente a Nera Montoro, in virtù della strategia che pone il tema deli "Made in Italy" al centro dei valori di Alcantara e di tutti i fornitori che collaborano alla realizzazione del rivestimento italiano più famoso del mondo.

Il futuro è bio

Nello sviluppo di Alcantara rientra ovviamente la ricerca continua di nuove applicazioni e personalizzazioni del materiale, ma anche l'ambizione di un futuro sostenibile tanto della produzione quanto del prodotto finito. L’azienda ha già ottenuto numerose certificazioni in materia di Carbon Neutrality, ma la sfida più grande per chi produce un prodotto derivato dal petrolio è quella di svincolarsi dagli idrocarburi. A tal proposito Alcantara sta lavorando allo sviluppo di bio polimeri derivati dagli scarti alimentari e quindi perfettamente biodegradabili. Fantascienza? No: l’Alcantara Bio potrebbe esser disponibile entro 5 anni.

Alcantara, dentro lo stabilimento

Alcantara, così nasce un materiale di rivestimento a marchio registrato, prodotto e commercializzato dall'omonima azienda, che è famoso nel mondo dell'auto così come in quello dell'arredamento, della nautica di diporto e della moda.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , lifestyle


Top