dalla Home

Curiosità

pubblicato il 16 marzo 2017

Yamaha TMax, il re dei maxiscooter è tornato?

OmniMoto.it l'ha provato sulle belle strade intorno a Cape Town, e vi racconta come va

Yamaha TMax, il re dei maxiscooter è tornato?

Yamaha TMax non è soltanto un semplice maxiscooter, ma anche un'icona di moda e uno dei mezzi a due ruote più discussi degli ultimi 15 anni. C'è chi lo ama e chi lo odia, ma non ha mai lasciato nessuno indifferente sia per le sue caratteristiche di stile che di guida sportiva, a metà fra quella di uno scooter e quella di una moto. Nel 2017 si rinnova nel profondo e debutta con tre diverse versioni diverse per allestimento e prezzo. Diego di OmniMoto.it è volato fino in Sudafrica per provarlo.

A spingere il TMAX 2017 è il noto bicilindrico frontemarcia da 530 cc raffreddato a liquido, da 46 CV, che in questa versione guadagna l’omologazione Euro 4. Rispetto alla precedente versione ha una cinghia in fibra di carbonio (più resistente, compatta e leggera), nuove caratteristiche di rigidità del telaio e un forcellone più lungo di 40 mm con leveraggio progressivo dell'ammortizzatore. Esteticamente cambia tantissimo, perchè le forme molto spigolose e tese della precedente serie lasciano spazio a linee più morbide e curve raccordate, che fanno percepire proporzioni più abbondanti ma non per questo meno sportive. Cambia anche l'ingombro posteriore con un codino di dimensioni più generose, questo perchè è aumentato anche lo spazio sottosella. Se siete curiosi di sapere come va, vi invitiamo a leggere le impressioni di Diego nel suo test, mentre se volete sapere quanto costa, sappiate che si parte da 11.490 euro per la versione base, 12.290 euro per la SX e 13.390 euro per la top di gamma DX. Proprio quest'ultima, inoltre, si rivolge a un pubblico che non vuole rinunciare ai tipici comfort automobilistici come il cruise control e il riscaldamento per sella e manopole.

Autore: Redazione

Tag: Curiosità , moto


Top