dalla Home

Interviste

pubblicato il 10 marzo 2017

Salone di Ginevra: Goodyear ci racconta il pneumatico che verrà

Abbiamo intervistato il designer Sebastien Fontaine per parlare del futuro sempre più connesso

Salone di Ginevra: Goodyear ci racconta il pneumatico che verrà
Galleria fotografica - Goodyear al Salone di Ginevra 2017Galleria fotografica - Goodyear al Salone di Ginevra 2017
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2017 - anteprima 1
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2017 - anteprima 2
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2017 - anteprima 3
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2017 - anteprima 4
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2017 - anteprima 5
  • Goodyear al Salone di Ginevra 2017 - anteprima 6

Se l’automobile è nel pieno di un processo di cambiamento epocale, i pneumatici non sono da meno: CityCube di Goodyear, sviluppato per e con Toyota per i-TRIL, ne è un perfetto esempio, anche se per ora si tratta solo di un concept. In questo concentrato di tecnologia ci sono sensori capaci di riconoscere una grande varietà di condizioni stradali e di inviare di conseguenza segnali specifici alla centralina del sistema anti-collisione. La particolarità di i-TRIL - le ruote anteriori che si inclinano - hanno fatto sì che gli ingegneri Goodyear si ispirassero al design delle carcasse e dei battistrada tipici delle moto, compresa la struttura con ampio diametro e larghezza ridotta. Per le ruote posteriori, invece, si è scelta una taglia più piccola a livello di diametro e una larghezza maggiore, oltre che un battistrada asimmetrico studiato per evacuare al meglio l’acqua. Molta attenzione è stata posta al design, con tanto di spalla colorata. A proposito di questo, abbiamo fatto due chiacchiere con il designer di Goodyear, Sebastien Fontaine.

OmniAuto.it: Prima di tutto, perché si parla di design per prodotti estremamente funzionai come i pneumatici?
Sebastien Fontaine: "Perché è importante comunicare anche visivamente ciò di cui è capace il prodotto. Mi viene in mente per esempio una gomma invernale: è decisivo riuscire a far capire a chi sta per comprare che quello è un battistrada capace di “aggrapparsi” al fondo anche più difficile".

OmniAuto.it: Come si concilia il gusto estetico con le esigenza tecniche?
Sebastien Fontaine: "Prima di tutto noi designer mettiamo sul tavolo una serie di proposte, poi, come prima cosa, gli ingegneri scartano le idee meno efficaci. A quel punto inizia un lavoro di squadra finalizzato al mantenimento di un alto livello di prestazioni (grip su asciutto e bagnato, rumorosità, scorrevolezza…) ma che tenga conto anche delle esigenze di immagine".

OmniAuto.it: L’automobile è pronta a una rivoluzione. E il pneumatico?
Sebastien Fontaine: "Vogliamo essere parte di questa rivoluzione, investendo nella tecnologia e nella qualità. Il prototipo Eagle 360 Urban - una sfera stampata in 3D - rappresenta meglio di ogni altra cosa ciò che intendo: innanzitutto, in quanto tale, può andare in tutte le direzioni, permettendo cambi di direzione a 360° sul posto. E’ inoltre dotato di battistrada autoriparante (dotato cioè di un tessuto che si “cicatrizza” in automatico), oltre che di un’intelligenza artificiale in grado di percepire il mondo esterno, decidere cosa fare, trasformarsi (gli intagli diventano più profondi in caso di strada bagnata, per esempio) e interagire con il veicolo o anche il viaggiatore".

Autore:

Tag: Interviste , pneumatici , pneumatici invernali


Top