dalla Home

Novità

pubblicato il 8 marzo 2017

McLaren 720S, numeri da brivido per la nuova Super Series

L’erede della 650S si rivela ancora più specialistica e prestazionale, grazie al V8 biturbo da 720 CV

McLaren 720S, numeri da brivido per la nuova Super Series
Galleria fotografica - McLaren 720SGalleria fotografica - McLaren 720S
  • McLaren 720S - anteprima 1
  • McLaren 720S - anteprima 2
  • McLaren 720S - anteprima 3
  • McLaren 720S - anteprima 4
  • McLaren 720S - anteprima 5
  • McLaren 720S - anteprima 6

McLaren rinnova la sfida a Ferrari e Lamborghini con la seconda generazione delle sportive Super Series, più costose e prestazionali delle 540C, 570S e 570GT che invece compongono la gamma Sport Series. La prima vettura della nuova generazione è la coupé 720S, erede della 650S, esposta in anteprima al Salone di Ginevra e attesa nei concessionari a partire da maggio 2017. Il nuovo modello si rivela ancor più aerodinamico, prestazionale ed estremo di quello che sostituisce, complice l’aumento della potenza e la riduzione del peso, che raggiungono valori impressionati per un’auto di questa categoria, la stessa delle Ferrari 488 GTB e Lamborghini Huracán: stando ai valori dichiarati, la McLaren 720S si avvale di un motore V8 biturbo da 720 CV e pesa 1.283 chili senza i liquidi a bordo. La 650S, per confronto, aveva 650 CV e pesava 1.310 chili.

Linea a cuneo e posteriore ribassato

La 720S introduce stilemi del tutto nuovi per McLaren e accentua il profilo a cuneo già visto sulla velocissima P1, con il tetto a bolla e linee dei cofani molto ribassate: quello posteriore, sulla 720S, è più basso di 14,5 cm rispetto alla 650S. Le linee sono molto più dolci e eleganti, complice anche l’utilizzo di fari anteriori a LED, che snelliscono la vista anteriore e restituiscono un frontale più elaborato. Gli stilisti dell’azienda hanno lavorato anche per ottenere la massima resa aerodinamica: grazie al nuovo alettone posteriore, di tipo estraibile, la spinta verso terra aumenta del 30% solo nella coda. L’ala svolge anche la funzione di aero-freno (migliorando così gli spazi di frenata) e il conducente può selezionare dall’interno la modalità Aero, che aumenta il bilanciamento dell’auto e il carico a terra nel corso delle curve. I fari anteriori sono formati ciascuno da 17 LED, che si alzano di 0,5° gradi a partire da 110 km/h per aumentare il campo visivo del guidatore.

Anche la struttura del tetto è in fibra di carbonio

Il telaio della 720S è formato come su tutte le McLaren da un modulo centrale in fibra di carbonio, il Monocage II, dalla forma più avvolgente rispetto a quello montato sulla 650S: a differenza di prima anche il tetto è realizzato in fibra. I montanti anteriori si possono ordinare con finitura grezza, privi di vernice. La scelta di utilizzare fibra di carbonio per la cellula dell’abitacolo influisce a livello di rigidità strutturale, sicurezza nei confronti dei passeggeri e contenimento del peso, inferiore nel complesso di 18 chili rispetto alla 650S, grazie all’aggiornamento del sistema elettrico (-3 chili), dell’impianto frenante (-2 chili), delle scatole d’aspirazione (-1,5 chili) e delle sospensioni (-16 chili), che rimangono del tipo a quadrilatero. L’impianto frenante è in materiale composito, mentre le ruote sono in alluminio forgiato da 19 pollici davanti e 20 dietro.

Un V8 biturbo che raggiunge gli 8.200 giri

Il motore si trova posizionato 12 cm più in basso che sulla 650S e non accusa la mancanza delle feritoie laterali di raffreddamento, che anzi migliora del 15%. E’ un V8 biturbo 4.0 da 720 CV a 7.000 giri e 770 Nm fra 5.500 e 6.500 giri, modificato rispetto al 3.8 della 650S nei pistoni, nelle bielle, nel turbo e nell’intercoleer: secondo McLaren il 41% dei componenti è inedito. A dispetto del turbo, il 4.0 può raggiungere gli 8.100 giri in prima e seconda marcia e gli 8.200 giri nelle restanti. Il motore è collocato dietro l’abitacolo in senso longitudinale e lavora con il supporto di un cambio a 7 rapporti. McLaren dichiara un tempo sullo 0-100 km/h pari a 2,9 secondi, un’accelerazione 0-200 km/h in 7,8 secondi e una velocità massima di 341 km/h, oltre ad una frenata 100-0 km/h in 29,7 metri. Il guidatore può scegliere fra le modalità di guida Comfort, Sport o Track, gestire la risposta dell’assetto attivo e stabilire anche la posizione del quadro strumenti, di tipo digitale, che varia a seconda del percorso: su strada è presente il quadro completo, ricco di informazioni, ma in pista si può ridurre il tutto al contagiri (per evitare distrazioni).

McLaren 720S | Salone di Ginevra 2017

720 cavalli per la nuova McLaren. Giuliano ci mostra in anteprima la supercar inglese, tra carbonio e aerodinamica non manca il comfort a bordo.

Autore: Redazione

Tag: Novità , McLaren , ginevra


Top