dalla Home

Da Sapere

pubblicato il 9 marzo 2017

Dossier Come si Fa

Fari dell'auto ingialliti, ecco come si puliscono

Una micro-guida per far tornare a splendere le luci della macchina

Fari dell'auto ingialliti, ecco come si puliscono

Ci sono i denti ingialliti dal fumo, ed esistono anche i fari ingialliti dallo sporco, dallo smog, da tutte le polveri in città (e autostrada). Senza parlare di piogge, fango, piccoli detriti. I vetri delle luci davanti sono costantemente soggetti ad attentati da parte di agenti esterni, cui l’automobilista non può opporsi in nessun modo, a meno di piazzare la macchina sotto una campana di vetro in eterno dopo l’acquisto. Ma anche in quel caso c’è il fattore invecchiamento a colpire. Esiste tuttavia qualche accorgimento per combattere il giallognolo e l’opacizzazione che si forma sui fari, specie quelli nuovi in policarbonato.

Cosa conoscere

#1. Vernice. Sappiate anzitutto che il problema nasce dal fatto che i i fari sono realizzati in plastica: questa è rivestita da uno strato di vernice protettiva trasparente. Se lo strato si rovina, ecco che inizia il processo di "degenerazione": il faro diviene più giallo e più opaco. Ve ne accorgete anche perché la luce è un po’ meno forte, come se ci fosse una "lente" che scurisce.

#2. Prodotto. Pulite il faro con un panno umido, in microfibra: eliminerete lo sporco. Anche nei supermarket, sono in vendita prodotti specifici. Mettete una piccola porzione di prodotto su un batuffolo di cotone o su una spugnetta e sfregare circolarmente. Quanto tempo? Tre minuti circa, fino a sentire la superficie liscia. Rimuovete tutti i residui di prodotto con un batuffolo nuovo. Se ci sono altre tracce di untuosità, utilizzate ancora il panno, ed eventualmente ripetete il trattamento sulle zone più rovinate, magari terminando con una lucidatura a mano.

#3. Dentifricio. Anche per questa soluzione, pulite il faro con un panno umido, in microfibra. Ricoprite con il nastro adesivo le superfici attorno ai fari: le parti cromate, piuttosto delicate, vanno protette. Prendete un tubetto di dentifricio (normale, non quello ai "microcristalli", perché graffia) e mettetene una piccola quantità su una spugna umida: passatela sul faro con energia per tre minuti. Poi asciugate con la carta assorbente. Ovviamente, il risultato sarà buono, ma non ottimo come col prodotto specifico.

Qualche raccomandazione

Non applicate il prodotto per fari opacizzati su parti in gomma, non utilizzate al Sole o sulla plastica surriscaldata: sono pur sempre sostanze chimiche. Conservate la confezione a temperatura ambiente e al riparo dalla luce solare diretta: per minimo tre anni non ci sono problemi. Utilizzate sempre i guanti, visto che può provocare irritazione cutanea. In caso di consultazione di un medico, tenere a disposizione l’etichetta del prodotto.

Autore: Redazione

Tag: Da Sapere , manutenzione


Top