dalla Home

Test

pubblicato il 6 marzo 2017

Subaru, la trazione integrale a prova di neve

Test drive dell'AWD Symmetrical giapponese sulle strade ghiacciate del Passo del Tonale

Subaru, la trazione integrale a prova di neve
Galleria fotografica - Subaru, la gamma a trazione integraleGalleria fotografica - Subaru, la gamma a trazione integrale
  • Subaru, la gamma a trazione integrale - anteprima 1
  • Subaru, la gamma a trazione integrale - anteprima 2
  • Subaru, la gamma a trazione integrale - anteprima 3
  • Subaru, la gamma a trazione integrale - anteprima 4
  • Subaru, la gamma a trazione integrale - anteprima 5
  • Subaru, la gamma a trazione integrale - anteprima 6

La trazione integrale permanente abbinata ad un motore boxer capace di abbassare il baricentro dell'auto per un guida più dinamica e sportiva ed un maggior controllo della strada anche in condizioni difficili. È questa la ricetta vincente del marchio Subaru che, dal 1972 ad oggi, ha scelto di equipaggiare l'intera gamma con la trazione AWD Symmetrical permanente con l'obiettivo di compensare automaticamente la differenza di velocità di rotazione che si genera tra asse anteriore e posteriore, durante la marcia. Una scelta dettata dalla volontà di disporre di un'auto più performante e pronta a rispondere di volta in volta anche alle situazioni più estreme. Dall'off-road alla frenata su lastre di ghiaccio, la gamma della casa delle Pleiadi l'abbiamo messa a dura prova sulle strade di montagna a Ponte di Legno (BS), sull'innevato Passo del Tonale. E il risultato è stato davvero sorprendente.

Subaru AWD al completo, dallo sport al SUV

Con il supporto dei piloti della Subaru Driving School, è stato possibile testare tutti i modelli della gamma delle Pleiadi. A partire dai SUV Outback e Forester che sono stati impegnati in un percorso off-road nelle viuzze della foresta che circonda Vermiglio (TN) ad un'altitudine di circa duemila metri. Nell'area tecnica invece la protagonista è stata la WRX STI mentre Levorg e l'urbana crossover XV sono state impegnate in esercizi specifici sulla sicurezza a partire dalla frenata su neve per poi passare allo slalom lungo un percorso ad ostacoli sulla piccola pista di kart. Infine, per gli amanti della sportività e del dinamismo, nell'area drift ci si è divertiti con le sportive BRZ (l'unica della gamma non equipaggiata con trazione integrale) e WRX STI. Insomma, neppure la bufera del giorno prima è riuscita a fermare le Subaru, che nonostante la neve alta e le lastre di ghiaccio formatesi su una parte del percorso scelto per le nostre prove, sono riuscite a cavarsela egregiamente.

Integrale per tutti i gusti

Una volta saliti a bordo dell'Outback per la parte dedicata al percorso off-road, la prima sensazione che arriva al conducente è sicuramente quella legata alla sicurezza. Grazie alla trazione integrale permanente l'auto è ben piantata a terra e anche di fronte a cinquanta centimetri di neve riesce a marciare senza problemi, un filo di gas e si procede tranquillamente. Questa versione è dotata di differenziale centrale active torque split con x-mode che si è rivelato provvidenziale riuscendo a ridurre lo slittamento e ad affrontare anche le pendenze più ripide. Con le altre vetture, nell'area tecnica, abbiamo avuto modo di provare tutti i vantaggi del differenziale centrale, pilotato dalla gestione elettronica, che è intervenuto istante dopo istante a seconda delle condizioni di marcia, modificando la quantità di coppia trasmessa all'asse anteriore e a quello posteriore. Diverse le tipologie di trazione integrale anche in base al cambio: per il manuale, ad esempio, l'abbinamento è con un differenziale centrale a giunto viscoso che consente di ripartire la coppia al 50:50. L'alternativa è il manuale con DCCD (Drivers Control Center Differential) che rappresenta al momento il sistema più prestazionale e che consente una ripartizione al 55:45. Abbinato ad un cambio automatico invece il differenziale centrale active torque split con l'elettronica capace di agire con tempestività su cambio e frizione ripartendo la coppia tra anteriore e posteriore al 60:40.

Si parte dai 19.900 euro della XV

Subaru, che lo scorso anno ha presentato la nuova Impreza, si prepara a lanciare un nuovo prodotto all'anno fino al 2020. La vision della casa delle Pleiadi si concentrerà maggiormente sui SUV ma nei piani aziendali sono previsti, comunque, per il 2018 una vettura hybrid plug-in mentre nel 2021 sarà presentato il modello completamente elettrico del brand giapponese. Andando invece a spulciare il listino attuale delle Subaru provate troviamo prezzi che partono da 29.990 euro per la Forester mentre per il large SUV Outback il prezzo di attacco è di 41.990 euro. XV, la cui nuova generazione sarà svelata al prossimo salone di Ginevra, parte da un prezzo di 19.990 euro mentre la Levorg (auto per il mercato giapponese) è in vendita a partire da 26.990 euro. Prestazionali e sportive, invece, la BRZ e la WRX STI che sono in vendita rispettivamente a 32.390 e 44.500 euro.

Autore: Nuviana Arrichiello

Tag: Test , Subaru , auto giapponesi


Top