dalla Home

Test

pubblicato il 21 febbraio 2017

BMW Serie 5, se la berlina torna uno status [VIDEO]

La nuova generazione diventa più moderna nell’aspetto e nei contenuti, grazie alle numerose novità di stampo tecnologico

Galleria fotografica - Nuova BMW Serie 5Galleria fotografica - Nuova BMW Serie 5
  • Nuova BMW Serie 5 020 - anteprima 1
  • Nuova BMW Serie 5 019 - anteprima 2
  • Nuova BMW Serie 5 016 - anteprima 3
  • Nuova BMW Serie 5 007 - anteprima 4
  • Nuova BMW Serie 5 009 - anteprima 5
  • Nuova BMW Serie 5 038 - anteprima 6

Le berline di grosse dimensioni attestavano fino a non troppo tempo fa il successo e la considerazione delle persone che la guidavano, sancendo il raggiungimento di uno status economico tale da poterne acquistare una. Poi sono arrivati i suv e la reputazione delle berlinone si è sfaldata: rimangono sempre auto blasonate e di lignaggio, ma non definiscono una posizione sociale come in passato. La tendenza non si capovolgerà nel 2017, perché la fortuna di suv e crossover non accenna a diminuire, ma le berline rivendicano ora quella centralità che mode e tendenze le hanno sottratto. E’ il caso per esempio della nuova BMW Serie 5, venduta in Italia da pochi mesi, aggiornata nello stile ma soprattutto a livello di contenuti tecnologici e meccanici, per farla reimpossessare della fama smarrita agli occhi di automobilisti non per forza avanti con l’età: il nuovo modello soddisfa anche i patiti dei gadget e delle chicche multimediali.

Com’è

La berlina tedesca arriva un anno dopo l’ammiraglia Serie 7 e ne riprende le linee, fedeli alla tradizione ma aggiornate e rese più moderne. Per accorgersene basta osservare ad esempio la mascherina anteriore, dalla classica forma a doppio rene, più ampia e dotata di una cornice meno sottile che sulle generazioni precedenti. L’impressione che se ne ricava è di un’auto più slanciata e dinamica, meno signorile che la generazione in vendita dal 2010, nonostante l’incremento della lunghezza: la Serie 5 misura 3,6 cm in più e raggiunge i 4,93 metri. Le principali novità si trovano però a livello meccanico, grazie all’utilizzo di una sofisticata base modulare a trazione posteriore o integrale: si avvale di alluminio e acciai ad alta resistenza e toglie fino a 100 kg rispetto al modello uscente (la 520d parte da 1540 kg). Il nuovo modello è stato rinnovato profondamente anche nell’abitacolo: lo schermo dell’impianto multimediale si trova al di sotto delle bocchette e non più raccolto entro la palpebra della strumentazione, novità che ha permesso di abbassare la linea del cruscotto e migliorare la visibilità.

Come va

Il comportamento su strada della BMW Serie 5 non ha riservato sorprese, complice la presenza del sistema per gestire le impostazioni di guida (Adaptive Drive), che permette al guidatore di selezionare il carattere dell’auto in funzione della strada: le modalità Eco Pro e Confort sono adatte a chi vuole macinare chilometri, le Sport e Adaptive a chi intende divertirsi fra le curve. La Serie 5 rimane pertanto una fra le berline più divertenti e piacevoli della sua categoria. Questa impressione non viene alterata dallo sterzo, troppo demoltiplicato nella modalità Confort e troppo artificiale in quella Adaptive. Il giudizio sul comportamento della Serie 5 deve tener conto dei numerosi e avanzatissimi sistemi di ausilio alla guida, che permettono all’auto di muoversi in determinati frangenti senza l’intervento del guidatore: il pacchetto Driving Assistant Plus (2.900 euro) include ad esempio il regolatore di velocità adattivo che funziona fra i 30 ed i 250 km/h, il sistema che mantiene l’auto in corsia fino a 210 km/h e quello che gestisce lo sterzo fino alla stessa velocità.

Curiosità

Fra le tecnologie a disposizione per la nuova Serie 5 c’è anche il sistema Remote Parking Control, ripreso dalla Serie 7, che guida l’auto in maniera del tutto automatica all’interno di un parcheggio: il guidatore può supervisionare l’operazione dall’esterno, ad esempio quando la berlina deve essere parcheggiata all’interno di un garage angusto. Il sistema si avvale dei sensori già presenti a bordo, come quelli di parcheggio o che rilevano eventuali ostacoli nelle vicinanze.


Quanto costa

Il listino della Serie 5 parte dai 50.800 euro della 520d in allestimento Business, con il motore a gasolio 2.0 da 190 CV. L’equipaggiamento è molto ricco e include anche l’assistente per la guida in colonna, i fari a led, i sensori di parcheggio anteriori e posteriori e lo schermo nella plancia da 8,8 pollici (optional quello da 10,25 pollici). La 520d con il cambio automatico ad otto marce è in vendita da 53.110 euro, che diventano 58.800 per la meno costosa fra le Serie 5 con motore 6 cilindri a gasolio (la 530d da 265 CV). I modelli a benzina partono da 58.150 euro.

La scheda

Versione provata: 530d Luxury
Quando arriva: già in vendita
Prezzo versione provata: 66.100 euro
Potenza: 265 CV
Quanta CO2 emette: 118 g/km
Consumo medio: 4,5 l/100 km
Accelerazione 0-100 km/h: 5,7 secondi
Assicurazione: 2 anni/km illimitati

 

Scheda Versione

Bmw Serie 5
Nome
Serie 5
Anno
2016
Tipo
Premium
Segmento
superiore
Carrozzeria
3 volumi
Porte
4 porte
Motore
normale
Prezzo
VAI ALLA SCHEDA

Autore: Redazione

Tag: Test , Bmw , auto europee


Listino Bmw Serie 5

Allestimento Trazione Alim. CV Cil. Posti Prezzo
520d Business posteriore diesel 190 2 5 € 51.600

LISTINO

520d ED Business Auto posteriore diesel 190 2 5 € 54.200

LISTINO

520d Sport posteriore diesel 190 2 5 € 55.800

LISTINO

520d xDrive Business Auto 4x4 diesel 190 2 5 € 56.500

LISTINO

520d ED Sport Auto posteriore diesel 190 2 5 € 58.400

LISTINO

520d Luxury posteriore diesel 190 2 5 € 58.900

LISTINO

530i xDrive Business Auto 4x4 benzina 252 2 5 € 59.050

LISTINO

530d Business Auto posteriore diesel 265 3 5 € 59.700

LISTINO

Tutti gli allestimenti »

 

Top