dalla Home

Mercato

pubblicato il 16 febbraio 2017

Mercato auto, l’Europa inizia bene il 2017

L’Italia torna terza per volumi di vendita scavalcando la Francia. In crescita tutti i gruppi, tranne Honda e Jaguar-Land Rover

Mercato auto, l’Europa inizia bene il 2017

Il 2017 è iniziato già da un po’, ma è ancora tempo di parlare di buoni o cattivi inizi perché, come nel caso delle immatricolazioni auto, i dati di gennaio sono arrivati, come di consueto, adesso che è metà febbraio. Le auto nuove targate nel mese scorso sono state 1.203.958, in aumento del 10,1% rispetto a 1.093.878 del 2016. E’ il 39esimo mese di crescita su 41 e così l’Europa dei 28+EFTA ripete, come l’anno scorso, un gennaio sopra il milione di immatricolazioni. In questo contesto, molto positivo, l’Italia è rimasta allineata alla media con un +10,1% (qui i dati italiani), ma per volumi di vendita è tornata ad essere terza, scavalcando la Francia. Parlando invece di costruttori, gli unici a segnare una flessione sono stati Mazda (-9,1%), Jaguar Land Rover (-2,8%) ed Honda (-8,1%). Di seguito i dettagli.

L’Italia ha ancora molto potenziale

Come abbiamo detto, in Italia i volumi sono tornati su cifre interessanti con 171.556 auto immatricolate e secondo Romano Valente, Direttore Generale dell’UNRAE (l’Associazione delle Case automobilistiche estere) il nostro Paese “ha ancora molto potenziale anche nello sviluppo del canale delle auto aziendali, dove resiste una asimmetria tra il trattamento fiscale italiano e quanto praticato negli altri Paesi, oltre che nella dimensione del parco anziano”. In Francia invece le immatricolazioni di auto nuove si sono fermate a 153.046 unità (+10,6%) e questo ci ha permesso il sorpasso. Tra gli altri grandi mercati, in Germania c’è stata una crescita a doppia cifra molto simile alla nostra (+10,5%) ma con volumi come sempre nettamente superiori (parliamo di 241.399 immatricolazioni) e in Gran Bretagna è stato segnato l’ennesimo record. Il mese di gennaio 2017 è stato il migliore dal 2005 con 174.564 vendite e un +2,9%. Infine la Spagna, che è partita altrettanto bene con 84.515 vendite di auto nuove (+10,7%).

Jeep, DS e pochi altri hanno ingranato la retromarcia

Il mese di gennaio è ovviamente andato bene per la maggior parte dei costruttori. Il Gruppo Volkswagen resta sempre in testa per i volumi (290.847 unità) ed ha registrato una crescita del 10%; tutti i marchi sono andati bene, soprattutto quelli di lusso (Bentley, Lamborghini e Bugatti) che hanno aumentato i volumi di poco (da 260 auto a 419) ma hanno archiviato una crescita percentuale del 61,2%. A seguire, per numero di immatricolazioni c’è ancora PSA (121.892 unità, +6,5%), che però ha visto tornare indietro DS, che ha perso il 32,9%. All’interno di FCA invece è andata “male” a Jeep, che per la prima volta da diversi mesi ha rallentato con una flessione del 5,6%, parliamo comunque di poche unità: da 7.853 a 7.414. Va sempre male per Chevrolet (-40,7%), mentre un -2,7% è stato segnato da Lexus. Cali anche per i già citati Mazda (-9,1%), Jaguar Land Rover (-2,8%) ed Honda (-8,1%). Di seguito la scheda con tutti i brand.

Autore:

Tag: Mercato , immatricolazioni


Top