dalla Home

Home » Argomenti » Multe e Ricorsi

pubblicato il 16 febbraio 2017

Incidente per guida in stato d’ebbrezza, doppia batosta in Cassazione

L’alcoltest non perdona. Automobilista condannato a pagare anche le spese processuali

Incidente per guida in stato d’ebbrezza, doppia batosta in Cassazione

Da una parte le Forze dell'ordine che hanno fatto l'alcoltest a un automobilista dopo un incidente e l'hanno multato per guida in stato d'ebbrezza; dall'altro l'uomo che sosteneva come non ci fosse un collegamento fra la propria condizione alterata e l'incidente. La controversia è stata così lunga che si è arrivati perfino in Cassazione: questa, con sentenza 4602/2017 ha stabilito che il collegamento fra ebbrezza e sinistro c'è eccome. A maggior ragione nel caso della signora, visto che, al momento del sinistro, la strada era poco trafficata, e le condizioni meteorologiche buone. Non esistevano elementi esterni a causare un sinistro, o a renderlo più probabile. L'unica ragione è l'alcol e la multa è sacrosanta.

Ubriaco fradicio

Ad aggravare le cose il fatto che il guidatore fosse ubriaco fradicio: la Corte d'Appello ha espressamente rilevato che il test effettuato aveva consentito di accertare una elevata concentrazione alcolemica (1,9 grammi di alcol per litro di sangue nella prima prova e 1,84 g/I nelle seconda). Considerando che il limite è di mezzo grammo e che la terza fascia di gravità è per chi supera gli 1,5 grammi, la multa è giustamente pesantissima: solo per quanto riguarda la sanzione pecuniaria parliamo di 1.500 euro. L'uomo andava così forte che il mezzo si è ribaltato, causando il danneggiamento di un cancello privato e del guardrail. Così la Cassazione ha confermato la multa, in più ha condannato il ricorrente a pagare 2.000 euro di spese processuali: doppia batosta.

Quali limiti e sanzioni

Ricordiamo che le multe variano in base alla gravità dell'infrazione e sono composte da diversi elementi. Solo per ricordarne alcuni: sanzione di 532 euro qualora sia stato accertato un valore corrispondente a un tasso alcolemico superiore a 0,5 e non superiore a 0,8 grammi di alcol per litro di sangue; verbale di 800 euro per un tasso oltre 0,8 e inferiore a 1,5 g/l; 1.500 euro (è il caso di cui ha trattato la Cassazione) oltre 1,5 grammi. E ancora: per i conducenti coinvolti in incidenti stradali e sottoposti alle cure mediche, l'accertamento del tasso alcolemico viene effettuato, su richiesta degli organi di Polizia stradale, da parte delle strutture sanitarie di base che rilasciano la relativa certificazione, estesa alla prognosi delle lesioni accertate, assicurando il rispetto della riservatezza dei dati in base alle disposizioni di legge.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , multe


Top