dalla Home

Attualità

pubblicato il 13 febbraio 2017

Guida autonoma, Ford investe 1 mld nell’intelligenza artificiale

I fondi vanno alla Argo AI, società fondata da ex dirigenti di Google e Uber, che lavorerà a nuovi software

Guida autonoma, Ford investe 1 mld nell’intelligenza artificiale
Galleria fotografica - Ford, smart mobilityGalleria fotografica - Ford, smart mobility
  • Ford, smart mobility - anteprima 1
  • Ford, smart mobility - anteprima 2
  • Ford, smart mobility - anteprima 3
  • Ford, smart mobility - anteprima 4
  • Ford, smart mobility - anteprima 5
  • Ford, smart mobility - anteprima 6

Le Ford che si guidano da sole iniziano quest’anno la sperimentazione in Europa, ma il costruttore compie un altro passo in avanti e investe negli Stati Uniti (per la gioia di Donald Trump) 1 miliardo di dollari. Ad essere esatti questa cifra, spalmata su 5 anni, è destinata alla start up Argo AI, una società che si occupa di intelligenza artificiale, con sede a Pittsburgh, e fondata da ex dirigenti di Google e Uber. Il compito della Argo AI sarà lavorare a una nuova piattaforma software per auto intelligenti, mentre Ford continuerà a concentrarsi sullo sviluppo più “tradizionale” dei componenti, diciamo sull’hardware; dalla produzione al design di interni ed esterni.

Argo AI, “figlia” di Google e Uber

Ford sarà l’azionista di maggioranza di Argo AI, ma è importante sottolineare che la società è stata strutturata per operare con notevole indipendenza: i suoi dipendenti avranno una significativa partecipazione azionaria all’interno della società. Entro la fine dell’anno si prevede che Argo AI conterà circa 200 membri, impiegati in parte presso l’headquarter di Pittsburgh, in parte negli stabilimenti principali nel sud-est del Michigan e nell’area della Baia della California, ed il team farà capo ai fondatori della società, Bryan Salesky e Peter Rander, rispettivamente CEO e COO di Argo AI. Entrambi hanno frequentato il Carnegie Mellon National Robotics Engineering Center e hanno ricoperto ruoli di rilevanza nei team di sviluppo dedicati alla guida autonoma, rispettivamente all’interno di Google e Uber. Il consiglio di Amministrazione sarà composto da 5 membri: Nair, John Casesa (Vice Presidente Global Strategy di FMC), Salesky, Rander e un membro indipendente.

Prima le Ford, poi altri costruttori

La guida autonoma è un business da miliardi di dollari che, come sappiamo bene, non interessa solo Ford; in questo articolo vi abbiamo spiegato bene a che punto siamo arrivati. Per questo l’idea di investire in una società che si occupa solo di software è per Ford una mossa importante. Di fatto, se inizialmente la Argo AI si concentrerà sull’elaborazione del sistema di guida virtuale che verrà integrato a bordo dei prossimi veicoli autonomi dell’Ovale Blu (in linea con lo standard SAE-4, il cui lancio commerciale è stato confermato per il 2021), in seguito potrà concedere in licenza la propria tecnologia ad altre aziende interessate a crescere in questo settore. “La collaborazione con Argo AI ci permette di ottenere un vantaggio competitivo nel settore che unisce l’industria automobilistica alla tecnologica - dice Raj Nair, Executive Vice President, Global Product Development e Chief Technical Officer di Ford Motor Company -. Questa collaborazione aperta, diversa da qualsiasi altra partnership, ci dà l’opportunità di trarre vantaggio dalla combinazione della capacità di innovazione, tipica di una start-up, con i punti di forza di una realtà come Ford per lo sviluppo su larga scala di tecnologia, integrazione di sistemi e progettazione di veicoli”.

Autore:

Tag: Attualità , Ford , guida autonoma


Top