dalla Home

Attualità

pubblicato il 22 gennaio 2008

Ecoincentivi 2008

Facciamo un po’ di chiarezza…

Ecoincentivi 2008

Con un parco circolante tra più anziani d'Europa c'era da scommetterci che gli incentivi per la rottamazione non sarebbero terminati la notte di San Silvestro. Grazie al decreto mille proroghe, infatti, anche il 2008 gli automobilisti possono usufruire del contributo statale. Come? Facciamo chiarezze dopo le centinaia di mail arrivate in redazione che dimostrano come il provvedimento non sia stato comunicato in maniera efficace.

Per chi rottama un'auto Euro zero, euro 0", "euro 1" o "euro 2" quest'ultima purchè immatricolata entro il 31/12/1996, lo Stato "regala" un'esenzione dal pagamento del bollo. Quali sono le condizioni per ottenerla? L'acquisto di una vettura Euro 4 o 5 capace di emettere al massimo 140 grammi Co2 al Km (130 grammi se diesel). Allo sconto sul bollo va ad aggiungersi un incentivo di 700 euro, che diventano 800 se la macchina scelta registra 120 g Co2/km. Rispetto allo scorso anno, poi, è stata introdotta la nuova formula del 2X1: se all'interno della stessa famiglia convivente si demoliscono due auto l'incentivo viene aumentato di 500 euro. Per quanto riguarda l'esenzione del bollo, gli anni esentasse diventano tre se l'auto è una vecchia Euro Zero.

Altra innovazione del 2008 è il contributo statale per chi demolisce un'auto senza comprarne una nuova. I veicoli in questione sono Euro 0, 1 e 2, quest'ultimo immatricolato entro il 31/12/1998. E' bene ricordare, però, che non si dovranno acquistare automobili entro 3 anni dalla data di rottamazione. In cambio di cosa? Per cominciare 150 Euro per coprire i costi della demolizione e della radiazione dal Pra, più di tre anni gratis di abbonamento al trasporto pubblico se non si hanno altri mezzi intestati. Se il veicolo rottamato è un'Euro 2 immatricolato entro il 31/12/1998 si può anche beneficiare di 800 euro da spendere nel servizio di Car Sharing. Ma solo fino a esaurimento fondi.

Buone notizie anche per gli amanti del turismo plen air: per la prima volta infatti la rottamazione è allargata ai camper. Nella parte riguardante i veicoli con massa superiore ai 3.000 kg il decreto prevede 1.500 euro per chi sostituisce un Euro 0 o 1 immatricolati prima del 1 gennaio 1999, contributo che sale a 2.500 euro per i mezzo con massa compresa tra 3.000 e 3.500 Kg.

Autore: Redazione

Tag: Attualità , immatricolazioni , inquinamento , finanziaria 2008


Top